Scritta da: Luigi Principe

Limbus

C'è un vento incessante
che attraversa la notte
e porta via la polvere dai tuoi sogni.
Un silenzio intriso d'ansia
a tenerti compagnia
come un laccio emostatico legato al braccio.

I tuoi occhi non conoscono la via
e chi vive fuori da questa notte
ignora il sentiero che hai intrapreso
ecco!
la mia dimora è questa
casa mia non è solo cemento.

le domande silenziose che ti roteano in testa
scorrono dubbiose e oscure in tutto il tuo corpo.
Una cupa sensazione a quanto si prepara
fa di te la mia musa adorante e oscena.
Luigi Principe
Composta domenica 13 giugno 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Principe

    La Regina

    Le labbra lucide, delicate
    gli occhi che mi seguono
    da qualsiasi prospettiva io li osservi
    la tua pelle...
    meraviglia del Creato!

    La perfezione è un cammino, non una meta.
    Tu
    con il tuo talento
    e la passione
    su quel sentiero d'arte
    hai portato la tua voce il più lontano di tutti.

    Non badare alla pochezza di chi ricorderà prima le tue debolezze.
    i tuoi sguardi
    i sorrisi
    il tuo canto!
    allieteranno l'animo di chi vive d'Amore
    per sempre.
    Luigi Principe
    Composta domenica 12 febbraio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Principe

      La Ninfa e il suo Re

      A volte è un cenno
      altre, uno schiocco di dita
      suprema saggezza
      a domare la tua follia
      a spiegarti il modo esatto di stare in questo mondo.

      Rituali e pause
      colpi, carezze e sguardi portentosi
      occhi negli occhi
      per capire e scegliere
      fin dove farti male
      fin dove ti è dato godere oggi.

      Sguardi esausti, estasiati
      carne e menti
      in un universo di un corpo solo
      quelli che eravamo e chi siamo oggi.
      Ecco!
      Il nostro mondo
      la nostra intimità.

      I miei beni mi dicono solo cosa possiedo
      i tuoi cambiamenti mi diranno quanto valgo.
      Sono il Re
      se la più evoluta fra le Ninfe
      m'implora di farle vibrare quanto mi ha donato.
      Senza, sarei solo un Uomo.
      Luigi Principe
      Composta mercoledì 8 febbraio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Principe

        Rituali e pavimento

        Saresti forse più libera
        con qualche giorno in più di pace
        abituata al tuo destino quotidiano
        con la speranza a profanare questo tempio del dolore.
        Il futuro è fatto d'attimi
        messi in fila uno dopo l'altro
        fanno il resto degli anni.
        Senza rituali e pause
        contrasti e notti passate sul pavimento
        senza attimi memorabili
        i nostri anni sarebbero infiniti.
        Luigi Principe
        Composta giovedì 22 settembre 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Luigi Principe

          Beautiful mouth

          Con il suo calore
          che quasi brucia
          lì, dove mi tocca
          e quello che mi sussurra
          la tua bocca ha violato le mie certezze
          tanto che non ho più voglia
          degli altri miei vizi.
          Ignoro l'ampiezza del tempo
          che sta di mezzo a questo scritto
          al prossimo tuo bacio.
          Fossero anche decenni
          conoscere quanto c'è da aspettare
          mi donerebbe buon umore.
          Saprei che non c'è da vivere solo di speranze.
          Luigi Principe
          Composta mercoledì 18 gennaio 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di