Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Luigi Principe

La radice del nostro godimento

Con approcci intimi
all'umore inquieto
la notte
corteggiatrice seducente
mi ti dona
vogliosa di rituali
che non saranno mai routine
perché il tuo unico grande potere
è la radice del nostro godimento.
La possibilità di finire
ci dà una grazia particolare
perché la possibilità di rimediare
dopo il prematuro sollievo
diventa, ahimè più ardua
dopo una tua resa
oppure una mia sventatezza.
Composta domenica 30 settembre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Principe

    Il piacere, la coscienza

    Il godimento di oggi
    è cieco, profumato, caldo
    sai che sta per arrivare
    non dove ti brucerà.
    Cieco anche quello che sogni
    taglia l'aria e il buio
    è rapido, spietato, folle
    lascia i segni della nostra passione.
    Nel lusso che mi hai concesso
    t'infliggerò quanto meriti
    fin dove puoi
    perché ne hai bisogno,
    un po più in la
    perché ne ho bisogno io.
    Composta martedì 25 settembre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Principe

      Perché mi desideri

      Questa notte
      ha diversi ingressi
      ognuno di essi
      mi porta in un mondo.
      Dall'oriente all'Africa nera
      su e giù per l'est europeo
      tutto dipende dalla chiave che scelgo
      e quanto sono disposto a pagare.
      Ma testimone è la mia apatia
      per questa notte
      i battiti del mio cuore
      al solo tuo pensiero,
      nulla mi eleva di grado
      come il percepire
      il tuo desiderio di me.
      Composta lunedì 24 settembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Principe

        10/09/2011 Ti manca, lo so

        Il silenzio non era più quiete nella stanza
        era una musica cupa
        pregna d'insana estrema inquietudine
        folate di bufera che le si attaccavano addosso,
        scuoiavano il suo corpo di se
        mentre desiderava aria.
        Nessuna mano amica a interporsi
        tra lei e il mistero
        fu così che non vide più.
        Avesse fatto testamento
        avrebbe destinato
        quanto di lei poteva essere dato
        a chi non riesce a sentir dolore
        per quanto gli fa male
        Nella curva del tempo vi rincontrerete
        nel frattempo, pace.
        Composta lunedì 10 settembre 2012
        Vota la poesia: Commenta