Scritta da: Luigi Donadio

Luci a Nord

Del Nord soprattutto i silenzi
dalle lande sferzate
interrotti solo dalla roccia
che ancora ricorda
ancestrali turbamenti
Nera di piombo,
come i tuoi occhi.

Del Nord soprattutto l'impeto
dell'onda sulla prora
commistione di mare e cielo
interferenza di nuvole
ombre e ghiaccio
Blu di cobalto,
come i tuoi occhi.

Il giallo della siepe di faggio
terra e corallo nel volo della pernice
indelebile grigio di fumo
alle pareti della locanda
nell'argento del violinista.
Bianco sgretolarsi ai piedi della scogliera
all'apparenza indistruttibile.

Del Nord soprattutto l'audacia
di muschi impertinenti
del pino ingobbito dall'ostinazione
e dall'incapacità di scegliere
una morte forse più dignitosa
Verde di rame ossidato,
come i tuoi occhi.

Moltitudine di colori
nell'aurora del Cigno
La fata del tempo
ruba il tuo sguardo.
Luigi Donadio
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Donadio

    Finestre Accese

    Finestre accese
    al di là del fango
    fosse Irlanda
    non starei nemmeno
    a dirti quanto
    Piove

    Finestre accese
    al di là della nebbia
    forse mare
    denso, fitto
    statico, algido.
    Piove

    Lucciole del Natale:
    nessun dono sul cuscino.
    Luigi Donadio
    Composta nel dicembre 2008
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di