Scritta da: Luigi Berti

Primavera D'emozioni

La vita sorge spontanea nei giorni di primavera,
la terra rimasta spoglia,
ha un dolce risveglio dal letargo dell'inverno,
rivelando ancora una volta tutto il suo splendore,
e stravolge di colori l'esistenza dentro e fuori,
sono germogli che ti portano l'essenza
è il profumo della vita che ci rende più coscienti.
C'è il sudore della fronte in quei campi non più incolti
Le fatiche, sono pronte a maturare,
sull'orgoglio della mente che ci guida sempre,
e al centro della vita c'è il raccolto del tuo cuore,
che esprime l'emozione.
Luigi Berti
Composta giovedì 28 marzo 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Luigi Berti

    Italiani

    A tutti i politici che ci sono nel nostro bel paese,
    che con il loro mangia mangia
    e la loro falsità ci rendono ridicoli in tutto il mondo,
    dico grazie,
    grazie di accorgersi solo sotto le elezioni,
    che c'è gente che va avanti con meno di 500 euro al mese
    e me lo fate ricordare ogni giorno ogni ora con il vostro strazio in televisione,
    vi ricordo anche che...
    molte famiglie non possiedono più una dignità, ne oro,
    pensionati che hanno dato l'anima
    e si sono spezzati la schiena per una vita intera,
    per dare contributi e tasse senza ricevere una pensione decente,
    Italiani,
    che con la vostra persuasione vi hanno dato retta
    e ora sono senza lavoro e non sanno più dove sbattere la testa,
    grazie anche per tutti quelli indebitati che si sono ammazzati,
    perche la loro dignità era più grande della vostra insolenza.
    Guardate bene le vostre facce davanti a uno specchio,
    vedrete un popolo che non vi rappresenta e ha più rispetto,
    perche l'orgoglio e la forza di noi Italiani,
    sta nel nostro cuore e non nelle vostre false parole.
    La costituzione italiana insegna a tutto il mondo,
    come vivere una favola scritta su un foglio.
    Luigi Berti
    Composta domenica 17 marzo 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Luigi Berti

      Vorrei

      Non ho più voglia di essere comandato,
      ne di comandare,
      di essere criticato
      ne di criticare,
      di dire sempre si per compiacere
      quando vorrei dire no senza offese,
      di non essere capito ma di capire,
      anche quando non hanno ragione,
      vorrei un mondo sincero,
      dove le promesse non siano fatte dai dei bugiardi,
      che entrano nella tua vita e sembrano santi,
      vorrei sentire dalla tua bocca
      uscire un mi dispiace almeno una volta,
      che hai sbagliato, che non sei sincero,
      che al posto tuo un pagliaccio è un uomo vero,
      Vorrei non essere più schiavizzato da un datore di lavoro,
      che nell'anima e nel cuore metti i soldi senza amore,
      vorrei trovare parole giuste,
      per far capire alle persone,
      che chi sottomette non ha mai ragione.
      Luigi Berti
      Composta venerdì 8 marzo 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Luigi Berti

        Fra la vita e la morte

        Un giorno ci rincontreremo
        e sarà bellissimo Poterci dire
        quello che la mente
        ha sempre nascosto al cuore
        in un posto soave pieno di luce
        dove finalmente ci sarà la pace
        senza un confine che ci potrà dividere
        ne un fucile che ci potrà uccidere,
        tutte le guerre di questo mondo
        spariranno dalla nostra memoria,
        torneranno a nascere i fiori in questo
        campo martoriato dai cannoni
        dove la mia vita è andata persa
        senza una lacrima senza risposta,
        quanto dolore vero hanno visto i miei occhi,
        ora rivolti al cielo, quante volte ti ho sognata e nei sogni ti ho baciata
        tante cose ti avrei voluto dire prima di partire,
        quanti uomini hanno imbracciato una divisa e un fucile
        per la gloria di chi è al potere, di chi senza una ragione ti dice chi ammazzare,
        il mio nemico è un'altra cosa, non ha armi ma mi usa.
        Vedo la mia anima diventare scura come il cielo
        ma so che dentro te è chiara come un velo,
        soltanto l'immensa luce che sorge
        mi distoglie dal tuo pensiero e dalle mie voglie,
        mi cattura mi rapisce e mi porta via con se,
        ora mi rimane solo il tempo,
        di perdere l'amore e la vita
        nello stesso momento.
        Luigi Berti
        Composta domenica 20 gennaio 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di