Poesie di Ludovico Ariosto

Poeta e commediografo, nato martedì 8 settembre 1474 a Reggio nell'Emilia (Italia), morto giovedì 6 luglio 1533 a Ferrara (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Silvana Stremiz
E dove aspetta il suo Baiardo, passa,
e sopra vi si lancia, e via galoppa,
né al cavallier, ch'a piè nel bosco lassa,
pur dice a Dio, non che lo 'nviti in groppa.
L'animoso cavallo urta e fracassa,
punto dal suo signor, ciò ch'egli 'ntoppa:
non ponno fosse o fiumi o sassi o spine
far che dal corso il corridor decline.
Ludovico Ariosto
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Sciolto che fu il pagan con leggier salto
    da l'ostinata furia di Baiardo,
    si vide cominciar ben degno assalto
    d'un par di cavallier tanto gagliardo.
    Suona l'un brando e l'altro, or basso or alto:
    il martel di Vulcano era più tardo
    ne la spelunca affumicata, dove
    battea all'incude i folgori di Giove.
    Ludovico Ariosto
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      A piedi è l'un, l'altro a cavallo: or quale
      credete ch'abbia il Saracin vantaggio?
      Né ve n'ha però alcun; che così vale
      forse ancor men ch'uno inesperto paggio;
      che 'l destrier per istinto naturale
      non volea fare al suo signore oltraggio:
      né con man né con spron potea il Circasso
      farlo a voluntà sua muover mai passo.
      Ludovico Ariosto
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz
        Quel liquor di secreto venen misto,
        che muta in odio l'amorosa cura,
        fa che la donna che Rinaldo ha visto,
        nei sereni occhi subito s'oscura;
        e con voce tremante e viso tristo
        supplica Sacripante e lo scongiura
        che quel guerrier più appresso non attenda,
        ma ch'insieme con lei la fuga prenda.
        Ludovico Ariosto
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Silvana Stremiz
          E questo hanno causato due fontane
          che di diverso effetto hanno liquore,
          ambe in Ardenna, e non sono lontane:
          d'amoroso disio l'una empie il core;
          chi bee de l'altra, senza amor rimane,
          e volge tutto in ghiaccio il primo ardore.
          Rinaldo gustò d'una, e amor lo strugge;
          Angelica de l'altra, e l'odia e fugge.
          Ludovico Ariosto
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di