Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Lucio Bassi

Impiegato tecnico, nato a Treviso
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Lucio Bassi

Le stagioni dell'amore

Passa il tempo
cambiano le stagioni
si consumano i giorni.
Guardo dentro il mio cuore
dopo un lungo e freddo inverno
vedo i giorni del suo rifiorire,
come a primavera
quando niente era morto
e tutto si risveglia.
E sento il fuoco bruciarmi dentro
come nel più caldo
degli estivi giorni.
Arrivano pure tristezza e malinconia
e mi sento come l'albero
d'autunno
che le proprie foglie
a sé non sa trattenere!
Ma anche la tristezza,
anche la malinconia,
se dettate dall'amore
sanno riempire questo cuore,
renderlo felice e orgoglioso,
come orgoglioso
l'albero d'autunno
mostra i suoi maestosi colori!
Arriverà ancora l'inverno,
ci sarà ancora gelo e freddo,
ma l'albero riavrà le sue foglie,
le mostrerà orgoglioso al cielo,
mentre il sole tornerà a scaldarci.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucio Bassi

    In riva

    Un passo segue l'altro,
    a volte veloce, a volte più lento,
    mentre la sabbia mi massaggia la pianta dei piedi!
    Odo il ritmato rumore delle onde, sospinte dal vento,
    quello stesso vento che, leggero, carezza la mia pelle.
    Voli di gabbiani, a volte radenti sopra la mia testa,
    accompagnano il mio andare;
    mentre mi osservano coppie d'anatre,
    tranquillamente adagiate in quel dolce dondolio del mare!
    Entro coi piedi a godere del fresco dell'acqua,
    che completa, con la sabbia, il piacevole massaggio!
    Spauriti, scappano, piccoli pesci al mio passare.
    Scritte di innamorati sulla spiaggia,
    alcune semicancellate dal mare,
    fanno tornare alla mente antichi e nuovi amori...
    Il sole mi bacia in fronte, ed io rispondo col sorriso;
    sento tutto il suo tiepido calore del mattino
    e lente scendono le mie gocce,
    salate come le infinite gocce che formano il mare!
    Questo amato mare che ormai mi sta chiamando...
    il suo è un irresistibile richiamo,
    entro discreto,
    quasi non volessi disturbare quel perfetto equilibrio...
    e mi lascio cadere, e cullare da quest'acqua amica,
    che mi accoglie nell'abbraccio delle sue onde.
    Quando esco è di nuovo il sole ad accudirmi,
    Sono i suoi dorati raggi ad asciugarmi!
    E sto bene!...
    Natura mia, ti amo!
    Composta lunedì 11 agosto 2014
    Vota la poesia: Commenta