Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Lucia Quarta

Sarta, nato domenica 15 dicembre 1957 a Erchie prv brindisi (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Lucia Quarta

Foglie d'atunno

Eravamo due fiori in primavera
ci fu la pioggia ed arrivò l'autunno in fretta.
Fu così che l'amore lo bagno la pioggia.
Arrivò il freddo e un giorno il vento fece cadere le foglie,
mentre il tempo diventava sempre più grigio,
all'amore mancava il sole,
che in quel giorno d'autunno se lo portò via.
Composta mercoledì 7 settembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Quarta

    Tu che ti rendi perfetto

    La convinzione di cosa?
    Di essere migliori! Ma di chi?
    Chi sei, se cerchi amore
    quando non lo sai dare.
    Chi sei se cerchi rispetto
    e non sai rispettare
    e non sai cosa vuol dire!
    Chi sei se vuoi solo comandare
    comportandoti da padrone
    dettando leggi, mentre tu non sai nemmeno cosa vuoi dire.
    Chi sei tu mentre gli altri sono felici per
    non gioire anche tu!
    Ma chi sei, se non sai cosa vuoi tu dalla vita.
    Composta mercoledì 7 settembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Quarta

      La pioggia

      La pioggia
      che bagna,
      ma il fiore resta vivo lo
      colgo oh povero cuor,
      perché
      l'acqua rovina il fiore più bello
      che la natura creò,
      così delicata
      che quasi lo sfiora con le sue dita
      continua a scorrere
      come un ruscello.
      Tu cielo maestoso
      che sembra non
      voler finire in questa
      sera d'estate che
      hai smorzato il calor.
      Composta sabato 16 luglio 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lucia Quarta

        Grazie

        Grazie
        per essere
        come siamo.
        Per essere gentili
        anche quando nessuno
        si accorge di te
        a volte un grazie
        ci basterebbe
        anche se ce
        lo meritiamo... ma
        nessuno ci vede.
        Un grazie di esistere
        nella vita di chi ci vuole bene.
        Grazie come quando ci
        viene donato un fiore
        ma a volte succede
        che manca attenzione
        ma a cosa mi direte!
        Alla gente che ci è intorno
        alla gente che poi
        se in un momento
        qualsiasi potrebbe
        non esserci più.
        Sapete cosa succede!
        Che prima le eravamo accanto
        ed eravamo indifferenti
        ad un tratto tutti
        parlano bene di te,
        perché quando
        una persona
        smette di vivere
        senti dire.
        Era brava, era gentile.
        Allora quella gente
        ci vede.
        La vita è fatta a scale
        c'è chi scende c'è chi sale.
        Un grazie a volte non costa niente.
        L'unica bellezza sta nella vita di ognuno
        di noi è esserci.
        Composta sabato 16 luglio 2016
        Vota la poesia: Commenta