Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Lucia Quarta

Sarta, nato domenica 15 dicembre 1957 a Erchie prv brindisi (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Lucia Quarta

Stella

Una stella brilla
come un diamante,
hà segnato il cielo
nella sua atmosfera.

Un'uccello evade dal suo nido
abbagliato dalla sua luce,
la rana comincia il suo canto,
il grillo esce dal suo buco
da un albero lontano,
si muovono le colombe.

Così inizia il loro canto
i cigni nell'acqua si godono il silenzio,
la stella come un diamante,
illumina il bosco.
Composta mercoledì 20 novembre 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lucia Quarta

    è Natale

    Natale ormai è vicino,
    arriva Gesù Bambino
    che porta doni a tutti,
    l'albero dei frutti.

    L'albero dell'amore
    che entra nei nostri cuori,
    nei cuori della gente,
    per chi è lontano
    e non crede a niente.

    Con il Natale alle porte
    arriva a mezzanotte,
    ci aiuti Gesù Bambino
    con il suo cuor divino,
    un Bambino tanto indifeso
    ma nel mondo è tanto atteso.
    Composta giovedì 14 novembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lucia Quarta

      Caro Gesù Bambino

      Caro Gesù Bambino
      ascolta quel che ha da dirti,
      il mio cuoricino.

      Porta al cuor della gente,
      un po' di serenità.
      Vedi cosa succede
      in questo mondo da lassù,
      oh mio Gesù c'è la fame quaggiù.

      C'è chi non ha nessuno
      ed non'à un tetto,
      e un cartone gli fa da letto,
      Gesù Bambino che stai arrivando,
      prega per noi ogni tanto.

      Questa sera dal mio lettino
      ti chiedo fai stare bene ogni bambino
      il Natale che sta arrivando,
      che sia di pace e di bontà,
      buona notte Gesù Bambino.
      Composta martedì 12 novembre 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lucia Quarta

        Ricordi

        I ricordi della vita
        sono sempre nella mente,
        che non si scordano facilmente.

        Sorrisi ho pianti ce né son tanti
        ci appartengono e son custoditi,
        ritornando in dietro, nel passato,
        scoprirai che non hai dimenticato.

        Ricordando le cose
        che non son state tutte rose,
        ci son state anche spine,
        ma non importa, importa il lieto fine.

        Il cofanetto dei ricordi lo richiudo,
        come si schiude un fiore appena sbocciato.
        Composta lunedì 29 agosto 1994
        Vota la poesia: Commenta