Scritta da: imlu

Nubila

Leggiadra volteggi in aria
come una piuma appena staccata
dalle ali di un piccione
dando vita a una danza
coreografata da Cornelis,
lentamente vai trasformandoti.
Così sei prima un volto,
poi una nave,
e una mano,
un colibrì,
un abbraccio tra due amanti.
Un delfino.
Un delfino che è riuscito
ad arrivar fin lì.
A sfiorar la luna.
Sei lì.
Ci sei.
Ci sei quasi.
Ci sei quasi riuscita.
Ma è solo una illusione
e come fumo svanisci.
Luca Improta
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di