Scritta da: ML

Sarà bellezza di noi

Forse ritornerà la tua voce e
sarà sogno il destarsi
sarà bellezza di noi
questo muto specchiarsi di corpi
nell'uno simbiotico
nel fragile unisono
di armoniche fusioni
l'amato essere reciproco
e la superba proiezione
di bisogni di elezione
affinità coltivate nel profondo
la pura ascensione
la gelida visione.

Forse ritornerà la tua voce
ed il folle incanto
tergerà l'universale fulgido disegno
di un fine altro
diverso
nel passaggio divino d'amore.
Loreta Salvatore
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ML

    Alle stelle promesse

    Questa notte che spoglia le ombre
    in raspi di oscurità,
    lungo tralci di bambagia
    a dondolare il silenzio
    penetrato nel più infimo
    punto del nostro universo.

    Questa notte che chiama col nome
    interezza unica parola
    nei misticismi di luna
    liturgie arcane
    che salmodiano verità d'eterno
    come comete in discesa
    salmastra china d'inchiostro.

    Questa notte stempera la tua voce
    nell'eco di un suono
    che consacra il tempo futuro

    alle stelle promesse.
    Loreta Salvatore
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ML

      Proteggimi

      Se i giorni poseranno lacrime
      come velo leggero sul viso ormai stanco,
      proteggimi.

      Se il tempo mi sfiorerà distrattamente
      e tu non sarai con me,
      custodiscimi nel cuore
      come un filo che strappi dall'oblio
      e che animi nel tuo pensiero.

      Proteggimi dall'usura del mondo
      che condanna ed uccide
      e salvami dal male che infanga
      che detesta il bene come valore.

      E come Dio amorevole e severo
      dal giudizio inflessibile e tenero
      pregherai per una vita che non giudica,
      ma che assolve dalla menzogna.

      Proteggimi dal letargo dell'odio
      che è assenza e violenza,
      perché sia terreno il Paradiso.
      Loreta Salvatore
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: ML

        Come l'alfa e l'omega

        Cadrà la luna
        d'argento nei larghi anfratti paludosi
        a frangere la battigia di stelle
        come polvere riversa di strali
        nel sogno irreale.

        Cadrà l'immenso,
        perché d'immenso muori ogni istante
        essendo nel plenilunio di vita
        nei giorni e nelle notti
        che sono i tuoi occhi
        come di un pianto secolare che langue.

        Sarà dopo l'inverno
        e quest'infermo tempo
        l'assoluto divenire
        che giunge
        e disgiunge
        come delta in piena
        l'amore
        e l'alfa e l'omega.
        Loreta Salvatore
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di