Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Linda Reale Ruffino

Zucchero filato

Lente trascorrono queste ore
In cui le lacrime piovono sui giorni
e verrà un angelo che
con lieve soffio ti porterà
oltre quelle nuvole di zucchero filato.
Sei leggera ormai,
piuma fra le piume,
le tue gambe stanche,
sono fragili ramoscelli,
le tue mani scarne
hanno ancora la forza di accarezzarmi,
i tuoi occhi non nascondono
il dolore di non potermi stare accanto
e la tua voce ad un tratto ritorna bambina.
E in quell'attimo sublime
in cui pronuncia la parola più bella
la mano che tanto ti amò prende la tua
per condurti attraverso i sentieri a te destinati.
Stagioni più non si alterneranno
e potrai sederti a riposare
su bianche rive
e verdi prati senza spine.
Vota la poesia: Commenta