Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Linda Reale Ruffino

Tempesta di fine autunno

Rimango impigliata
nei miei passi bagnati
che non vanno
né avanti, né indietro.
Infossàti in una pozzanghera
che io stessa ho scavato
e che, goccia dopo goccia,
ho reso più profonda.
Annegano le mie iridi,
non hanno ancora imparato
a nuotare in questi oceani silenziosi.
Ma ho ancora un barlume di forza
per guardare verso il basso
e non mi vedo riflessa in quell'acqua.
Rivolgo gli occhi al cielo
ed è lì che mi ritrovo.
Composta martedì 16 dicembre 2014
Vota la poesia: Commenta