Scritta da: Linda Reale Ruffino

Odiata ragionevolezza

Ingannatevi virtù,
andate scapestrate
a raccogliere illusioni
e polvere di vita.
Introducetevi
tra i fasci di luce
che potrebbero illuminarvi
di piaceri
ma che vi ostinate
a rifiutare.
Tanti mali già la vita ci serve
su piatti unti e sporchi di fango
e voi avete timore
di bere da coppe dorate,
lasciate lì innanzi
a splender di miraggi.
Inganni perfetti
che fingete di ignorare
e che volete a tutti i costi perdonare.
Ma forse proprio in questo
sta la vostra forza,
mentre fragile è l'anima che vi possiede
che, innanzi a tanta saggezza, soccombe.
Linda Reale Ruffino
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di