Scritta da: underdog

io inventai la magia

Non pentirti mai
di amarmi come lo fai
entro il rossore di sole
e l'ombra dei muri.
mai pentirti di bere al mio palmo
come un felino ammansito,
che vino mi sgorga
al solo invocarti.

invento la magia tutte le notti,
sono scrittura impregnata d'ogni spazio,
luna tarda e feconda di porpora
florido stendardo issato
tra le cosce
di pelle tremante
madido di lotta.

non lamentarti mai
d'amarmi come ti amo,
chetra il tuo amore il mio
stanno gocce di tempo, dense
gridando maiuscolo il nostro nome.
Lina Zeron
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: underdog

    Metamorfosi

    Lei trovò il coraggio e affrontò il cielo.
    riempi il nome di Dio della sua bocca
    e volle il miracolo.
    un angelo maschio incarnato
    scese sulla terra
    gli sottomise il corpo, e
    nel suo ventre piantò un seme.

    le porse uno specchio,
    vide l'immagine curva,
    l'ombelico rotondo.
    le mostrò che esisteva un inferno,
    e che i sogni sono concepiti
    fuori dal mondo.

    piantò una lama in mezzo al suo corpo,
    lo saturò di sangue;
    le sfilò nido e seme
    e in assassino converti il suo nome.
    lei maledì quel miracolo concesso
    senza alcuna pietà.

    ombra,
    grida,
    silenzio.

    ora giace, testa bassa come appesa
    un pipistrello;
    non seppe difendere il bozzolo, il germoglio.
    e invece di una vita vive una colpa.
    questo il suo castigo.
    Lina Zeron
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di