Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Lidia Filippi

Finché avrò respiro

Avessi io potuto
Tanto di più avrei fatto
E di meglio
Nei giorni che ho vissuto
Lo giuro, avrei voluto
Scavalcare i monti, oltrepassare i mari
E respirare la libertà agognata
Tanto ho sognato
Ed inseguendo i sogni son caduto
Serpi e lupi ho incontrato
Ho combattuto
A volte han vinto loro
E le ferite fanno ancora male
Ma i sogni sono intatti
E quando ho vinto
Lì si, ho toccato il cielo
E nuovi desideri son nati
Così li inseguo, fossero anche miraggi
Con la forza della mia stessa vita
E la passione
Seguiterò a cercare
Ovunque a me d'intorno
Ciò verso cui anelo
Fin all'ultimo giorno...
Composta mercoledì 24 luglio 2013
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lidia Filippi

    Filastrocca di Halloween

    Una strega tutta matta
    Naso adunco, già sdentata
    Volò giù sopra al mercato
    E una zucca comperò
    Poi ridendo a squarciagola
    La lanciò dentro un'aiuola
    Si celò dentro ai cespugli
    E così la trasformò:
    Sulla zucca una parrucca
    Tanti, tanti vermicelli
    Mise al posto dei capelli
    Con due buchi fece gli occhi
    E vi mise due ranocchi
    Nella bocca spalancata
    Infilò la sua ciabatta
    E per fare più dispetti
    Ci ficcò pure ragnetti
    Dalle zampe un po' pelose
    E fra l'erba la nascose.
    Poi la luna fu alta in cielo
    E la strega stese un velo
    Di vischiose ragnatele
    Cento mosche imprigionò
    Ad urlare incominciò
    Catturò tre pipistrelli
    Se li mise fra i capelli
    Ordinò agli amici gatti
    Di saltare come matti
    Miagolando a più non posso
    Per svegliare il mostro rosso
    Arrivò un bel diavoletto
    Con nel sacco il suo scherzetto
    Uno scheletro rovente
    Che danzando s'inchinò
    Or la strega è soddisfatta
    La sua zucca è illuminata!
    Un dolcetto o uno scherzetto
    Tutti i ragni e i pipistrelli
    Anche i gatti ed i rospetti
    Ed insieme i diavoletti
    Un baccano maledetto
    Tutti quanti fa ballare
    E la gente risvegliare
    Mamma mia quanta paura
    Nella notte scura, scura.
    Composta domenica 4 ottobre 2009
    Vota la poesia: Commenta