Scritta da: Bepi Zuccollo
Pubblicata prima del 01/06/2004

Storia di amore e di morte

Un giorno, passando par Sandrigo
go sentìo un fato, ché a tuti ve ‘l digo
e busìe non ne voio contar.
A savarì, sti tosati… in campagna,
a filò i vole ‘ndare
e ogni sera le tose a trovare!
I se conta le fole e le fiabe,
sti morosi con tute ste tose,
e con le more e bionde morose
l’amore, de ocièto, i se fa.

Ma lassemo da parte, pertanto,
e andiamo alla stalla del Drigo;
ghe ‘ndava un bel toso, vel digo
el se ciamava Dal Bosco Roncòn.
El ghe fava l’amore alla Silia,
la tosa de Paolo Grigòlo
e i se gavea dà la parola
de sposarse e amarse de cuor.

Ma la Maria dalle Oche,
che era invidiosa,
e che sapeva el segreto parare,
incontrandose un dì co’ so pare
la ghe dise: “Paolèto, scoltè:
Savarì che la vostra tosata…
”Eh! la Silia, la ze, porco demonio”
..la ga promesso de far matrimonio
con Togneto dal Bosco Roncon!”
“a go capìo, non son miga contento,
mi so chi  che l’è quelo!
torò la pistola e ‘l cortelo
e quel mostro lo voglio ammazzà”.

“Paoleto, no ste far de sti spegassi”,
continuava la Maria dalle Oche
“A i go visti anca fare le moche,
ma, ve prego, par questo, tasì!”
“Mi no parlo, farò sentinela,
Ve ringrassio, se questo ze vero”.

El va casa, infiammà dala ràbia ,
avverte la dolce sua sposa
che la Silia, l’ardita sua tosa,
l’amore in segreto la fa.
“La torìa, anca par questo, un bel toso,
l’è Togneto Dal Bosco Roncon,
ma no voio, parché, essendo bricon,
chissà quanto el la fa tribolar”.
“Non è vero, rispose la moglie,
l’è un bon fiolo, l’è degno d’amar,
e se la figlia se vol maridar,
inpedirghe, za, no se pol”.

Cossa se pensa sto mostro rabbioso,
de vestirse da diavolo moro,
de montare a cavallo d’un toro,
e spetarli, co’ i vien da filò.
Pien de caene e de fogo,
- una cosa che già fa orrore -,
el se ga messo alle undese ore
in Crosara, a spetarli passar!
Alsa gli occhi sua povera fia
e lo vede, sto gran diavolasso.
Casca in tera con gran spaurasso
meza morta a causa de lu.

Ronconi, poareto, se l’è tolta
giù per i campi e giù per la frata!
Ed in braghe anche lui se l’è fatta,
per tre giorni col spago tirà.
La Silia, poareta, l’è diventà matta,
la ga visto un posso e giù la si è tratta,
e andò a finire la vita…  cossì!!
Ronconi piangeva,
piangeva di notte e di giorno,
e come uno che ga el capo storno,
anche lui s’ammassò.

Paoleto, s’è pentio…
s’è pentio de una assiòn così cruda!
El ga visto un albero e….
…..come Giuda, zò a pincolòn!!
E’ andata a vederli la povera moglie
e a dire:” Poareta Silieta, mia cara,
poareto Tonin, bel toseto,
a causa d’un marìo maledeto.
i poareti gà finìo la vita…  cossì.”
Liana e Lavinia Dal Zotto
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di