Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Lella Frasca

Senza più scènza

Sarà l'effetto crisi prolungato
che er Premier sé come schiavardato!
Mò che li studenti sò scoràti...
promette solo un mucchio de sordati!

Strano che nun ha dato na mezza scannajata...
se sarebbe accorto che a scòla è proprio arovinata!
Mancano li sordi pe l'Università
e manco li docenti ce so da rimpiazzà!

Cò sta legge se resta proppio a piedi,
se vede che ce rivole un po tutti anarfabbeti!
Allora tutti in piazza senza scemènza,
pe sarvà er futuro de la nostra Scènza!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca

    Fija mia!

    Sei nata co n'accordo sindacale
    che nun era pe gnjente fatto male;
    t'ho cresciuta e coccolata
    e prima dei gemelli t'ho cullata!

    Assieme amo creduto alla solidarietà
    e tutti so venuti a fasse mejo curà!
    Te rispettava er Medico c'hai fatto lavorà
    scejeva stà co te che all'Università!

    Hai dato denti, occhiali e fatto prevenzione
    preoccupannote dei Soci pure dopo la pensione!
    Ogni crisi assieme l'avemo superata
    ma urtimamente te sei tanto ammalata…

    T'hanno strappato l'anima, donato tutti l'organi,
    creato nelle menti un sacco de disordini…
    Ora che giaci in stato d'agonia
    forse, ce scappa, pe te, l'eutanasia!

    Er core nun me regge allo strazzio da subì
    guardannote, fija mia, sur patibolo a morì!
    Preferisco ricordà ch'eri ammirata
    e pure da qualcuno un po n'vidiata…

    Te lascio e vado pe la sorte mia
    chiedennote na cosa, fija mia:
    nun pensà mai che ora me ne frego
    perché me metto da na parte e prego,
    per chi,  co l'invenzione de sarvatte,
    è riuscito sortanto a sfiguratte!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca

      Natale senza

      Natale senza spred
      e nessuno pensa a te
      Natale senza gioia drento ar core
      perché 'gni cosa te provoca dolore
      Natale sempre più senza lavoro
      che avvilisce e smorza i giovani dei loro sogni d'oro
      Natale dalla Consurta illeggittimato
      perché cor Porcellum cianno rifregato!
      Natale senza Marò e senza li lazziali
      perché semo un Paese senza palle né ideali
      Natale senza sòrdi pe poté campà
      perché cor barzello dell'IMU ce stanno a derubbà!
      Natale senza er pezzetto de cinghiale
      perché tu scenni sempre e quarcuno solo sale
      Natale senza un po' de pace
      perché nun sei gnente quanno tutt'attorno tace!
      Natale senza fji perché ne manca una:
      quella che cor coraggio è annata lontano a cercà fortuna!
      Natale senza forza
      perché te senti schiacciato da na morza,
      Natale colle toppe ar culo
      perché nun arivi più manco se sei un mulo!
      Natale senza coraggio che t'ammazza
      perché te 'ncazzi solo ma ancora nun scenni in piazza!
      Natale senza cambiamenti
      perché te fottono i potenti
      e tu ancora nun te lamenti
      Giovani, studenti, cassaintegrati, lavoratori e pensionati
      disoccupati, licenziati, esodati, carcerati e pure l'immigrati
      so' tutti soli perché nun l'avemo manco 'ncoraggiati!
      Natale senza berlusconi
      ma nun te preoccupà che ancora gira pej cojoni
      Natale senza vergogna
      quanno i malati de SLA davanti ar Parlamento
      l'hanno trattati come la "rogna"
      Natale senza arbero né luci
      perché se c'hai famja li sòrdi nun li bruci
      Natale senza futuro
      perché domani sarà de oggi ancora un po' più duro
      Natale senza Madiba:
      pe l'Africa e per monno esempio de la vita!
      Natale senza pane e senza latte fresco
      eppure stai mejo pure tu, laico, co la benedizione de Francesco!
      Grande! A lui je bastato solo 'ncenno d'entusiasmo senza affanno
      pe' guadagnasse er titolo dar Time: L'Omo dell'anno!
      Natale senza soriso e so' amari li bocconi
      è cominciata ora la protesta dei "forconi"!
      Natale senza Natale: gnente doni e gnente pranzi
      ma fatte coraggio che mo' ce pensa Renzi!
      Vedremo li fatti de tutto sto rinnovamento,
      e che sia pe li poracci, stavorta, er cambiamento!
      Basta! Basta!
      colle tasse de sta "casta"
      semo stufi e nun semo più cojoni
      se nun cambia la politica saremo tutti coi forconi!
      Ar politico, all'assessore
      je damo giusto giusto poche ore
      pe riprennese er Natale e n'antranno un po' migliore!
      Composta venerdì 13 dicembre 2013
      Vota la poesia: Commenta