Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Lella Frasca

Nato domenica 1 gennaio 1956 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Lella Frasca

Campo de' fiori

C'è er mitico mercato coi strilloni
dove nà vorta se comprava a prezzi bboni:
carciofoli, misticanza e puntarelle,
trippa, abbaccio e pure l'animelle!
de tutto trovavi su quelle bancherelle...

A sera, co l'amici, ad uno ad uno,
te ritrovavi sui scalini de Giordano Bruno,
nà bira, nò spinello e du' cazzate
ma li regazzi su la bocca ciaveveno solo le risate...
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca
    Er miracolo dè Natale
    Sò pochi li pacchetti n'cartati sotto l'arberello...
    se vede che quest'anno er Natale è proprio miserello...
    Lo sanno bene a Milano li tranvieri
    che da dù anni sò n'cazzati neri!
    Lo sanno le mamme delle "elementari"
    perché a scola nun sò arivati ancora i sussidiari!
    Lo sa er pensionato fortunato
    che pja er rimborso tasse pè un regalo dello Stato!
    Lo sanno i giovani pieni dè disagi...
    perché er lavoro manca pure cò la Legge Biagi!
    Lo sa la gente che lavora già
    perché a penzione non è più realtà!
    Lo sanno le famjie dei poveri ammazzati...
    perché cò la scusa de la pace nun sò più tornati!
    Lo sanno i malati in fila all'ospedale
    mentre er ministro grida che er fumo fa più male!
    Lo sa chi non vota, come i carcerati
    che senza farmaci nun sò più curati!
    Lo sa purtroppo tutta la gente
    che ha perso i punti della patente!
    Gli abitanti dè Scanzano lottano pè le storie
    nate da un decreto che jà scaricato solo scorie...
    Lo sanno le donne che cercano un bambino
    che cò a fecondazione artificiale stanno a fà un casino...
    Sò più contente quelle cò er secondo regazzino
    perché cò mille euro ce fanno er corredino...
    Lo sa l'immigrato che s'è fermata la proposta Fini...
    perch'è s'è n'cazzato Storace e dimessa a Mussolini!
    Lo sanno oramai tutti che er governo ce riempie dè cazzate
    e ce censura la Guzzanti pè levacce pure dù risate!
    A facce ride mejo ce pensa a riforma deè penzioni
    tanto lì cazzi amari nun sò mica pè Maroni!
    Nun c'è verso dè cambià un po' aria...
    che ce rifregano cò la finanziaria:
    condono, ricondono e concordati preventivi
    pè racimolà sempre più quattrini!
    Margrado tutto restamo un popolo contento
    e n'vece dè n'cazzacce perché vivemo a stento
    chiedemo a Babbo Natale solo dù doni:
    levace dè mezzo tremonti E berlusconi...
    facce er miracolo eccezionale
    Pè festeggià tutti un vero, maggico natale!
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca

      La solitudine

      È vera quella che più se sente
      quanno te sembra che l'artri nun capiscono gnente...

      La senti nello stommaco come nà morza
      che t'avvilisce e te leva ogni forza...

      È 'n pianto silenzioso che nun te fa dormì
      perché nemmeno chi te ama te riesce a capì.

      E se nun te capisce chi te vole bbene,
      come se fa da soli a sopportà le pene?

      Me viene da penzà: forze è così...
      che ognuno è solo quanno c'è da soffrì!
      Vota la poesia: Commenta