Poesie di Lella Frasca

Nato domenica 1 gennaio 1956 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Lella Frasca

La fratellanza

T'aricordi che pacchia in trattoria?
Le fettuccine, er coscio de capretto
che l'annaffiavi assieme co 'n vinetto
che te metteva addosso l'allegria...

Doppo magnato, poi, su pe la via
sentivi domannà da un poveretto
un po' de pane e jè davi er baiocchetto
penzanno ch'era, forse, na bucia...

Invece, mo, che spesso ho risentito
quello speciale senso de languore
ch'arissomija tanto a l'appetito
e da lo stommaco me fa salì un dolore,

quanno m'incontro co na poverella
che cià fame, me sento strigne er core
e penzo ch'er diggiuno ciaffratella!
Lella Frasca
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca

    Cuore e Mente

    Il cuore batte innamorato
    e sembra sempre più accelerato,
    pensieri accalcati riempiono la mente
    resti solo in silenzio senza dire più niente...

    Ed ancora il cuore:
    lo senti ch'è colmo d'amore,
    sentimento da donare,
    emozioni da scambiare...

    Allora inizi a volare,
    in alto, più in alto senza guardare;
    fino a cercare le stelle
    per toccare proprio quelle più brillarelle...

    Quando si ama perdutamente
    si segue il cuore non la mente...
    Lella Frasca
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca

      La CMS

      In ufficio Contabilità
      ce sta sempre un gran da fa,
      tra conteggi e quadrature
      becchiam tante fregature...

      la riforma sanitaria è partita e nun se sà
      come tocca lavorà...!
      Tra Regioni e finanziamenti
      ogni giorno so lamenti.
      Cè chi sordi ce ne dà
      chi er capo fa sudà.

      Da un controllo effettuato
      pure er capo sé stufato:
      ar bilancio de quest'anno
      cè arivato col'affanno

      mentre er core je sbarella
      quanno poi vede Petrella,
      se per caso sente Favalli
      so guai verdi, rossi e gialli
      tanto Cocciolo se sà
      una mano je la dà...

      Quanno er capo è 'ncavolato
      se ripia con un urlato
      e poi cerca a fasse in otto
      e se mette a dà er pilotto:

      Cori, sbrigate Manù!
      Olivieri nun ce la fà più,
      Condoluci è in malattia
      e zia selly è andata via...

      e la Frasca dove stà?
      A quadrà l'indennità!
      La Piloni piccoletta,
      deve fa sempre pià in fretta...

      Cè la Dora che s'accora
      a vedè chi nun lavora
      e la Nigro non coinvolta
      risbadiglia n'antra volta
      tanto lei già lo sà
      che ben presto se ne andrà...

      La mutua, dicovo: a da finì!
      Ma noi stamo ancora qui...
      semo ar solito le stesse
      e resteremo a fa le fesse!
      Lella Frasca
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lella Frasca

        Monnezza e Sordi

        Artro che sole, mare e mandolino
        è come respirà 'n mezzo a 'na fogna
        pe Napoli e l'Italia è na vergogna
        nun c'è discorpa caro Bassolino!

        La monnezza llì è er granne affare...
        politici, camorra, assunzioni a tutt'andare,
        c'è 'n giro de mijardi co a scusa d'arangiasse...
        cianfrujano e ce trafficheno senza vergognasse!

        Ala pora gente er core je se spezza
        a vive 'gni giorno 'n mezzo ala schifezza!
        S'aspetta 'n antra botta de colera
        ma li delinguenti nun li mettono in galera!

        Dall'emergenza nun se po scappà
        artrimenti "certa gente" come fa a magnà?
        Sti cazzi! Dela gente e dele malattie...
        se buscano li sordi pure coll'epidemie!

        E visto che er governo è pure licenziato,
        morammazzato a la gente che rimane senza fiato!
        Solo er miracolo oramai la po' sarvà
        o San Gennaro o er Vurcano che comincia a ributtà!
        Lella Frasca
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di