Le migliori poesie di Lella Frasca

Nato domenica 1 gennaio 1956 a Roma (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Lella Frasca

A papà

A papà!
Te ricordi quanno tornavi a casa nero e sporco
che m'arzavi su su in alto
fino a famme bacià Gesù Risorto?

E quanno ce portavi cor seicento a Torsapienza
a trovà li nonni e salutà zia Enza?
Ce scarozzavi ogni anno a Santa Rita,
pe invocà nà protezione pe la vita!

A papa!
Hai sempre duramente lavorato
e sacrificato pure le feste che Dio ha comannato;
mo te sei fatto vecchio
e sei pure malannato
ma de fa de testa tua
nun te sei ancora stufato!

A papà!
Comincia a pensà de vivere sereno
senza sprecà li giorni solo cor veleno,
fatte tornà la bellezza der soriso
e vivilo co noi oggi... er paradiso.
Lella Frasca
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Lella Frasca

    Un Natale differente

    Volevo un Natale differente
    gioioso e allegro co tutta la famija
    'nvece me sento er core sofferente
    invaso e colmo de malinconia

    Me guardo 'ntorno e sento tanta gente
    ognuno se lamenta a modo suo
    ognuno vede sto governo indifferente
    che pensa solo a sarvà "er culo Suo"

    'nvece de sta dentro ar Parlamento
    e lavorà per bene der Paese,
    s'attaccano in tv in ogni momento,
    senza penzà a chi non passa er mese

    Le fabbriche e le industrie so sparite!
    I fortunati stanno in cassa integrazzione
    ai lavoratori so rimaste solo le ferite
    e le famije campano de disperazzione

    Ai giovani, porelli, nun je rimasto gnente,
    so soffocati, senza via d'uscita!
    Se col'lavoro nun occupano la mente,
    come faranno ad organizzà nà vita!

    Ogni giorno qualche ministro se fa bello,
    Lodo Alfano, processo breve, decreto anti-evasione
    e compiaciuto dell'opposizione ch'è un bordello,
    ce ricorda tutto er bene fatto pe a "Nazione"

    c'hanno fregato cor decoder pe la televisione,
    raschiato co la crisi finanziaria,
    coll'influenza suina ce tengono in tenzione,
    ce privatizzano l'acqua e ce manca solo l'aria

    La sicurezza è un dilemma legato all'immigrati
    ed anche i manganelli se so legalizzati,
    nun cè misura pe sti pori disgraziati
    e ce ammazzano de botte pure i fij, nostri adorati!

    Cambio canale pe nun sentì discute sull'immunità,
    mejo vedesse "la domenica sportiva"
    e te ritrovo, 'nvece, Santità
    che ce vieta la pillola abortiva

    Cercavo un Natale differente
    sereno pe scambiasse l'auguri co la gente
    sento dela croce ar tricolore e me ripja a malinconia,
    sarvognuno: che brutta fine hai fatto Italia mia!
    Lella Frasca
    Composta giovedì 3 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lella Frasca
      Er miracolo dè Natale
      Sò pochi li pacchetti n'cartati sotto l'arberello...
      se vede che quest'anno er Natale è proprio miserello...
      Lo sanno bene a Milano li tranvieri
      che da dù anni sò n'cazzati neri!
      Lo sanno le mamme delle "elementari"
      perché a scola nun sò arivati ancora i sussidiari!
      Lo sa er pensionato fortunato
      che pja er rimborso tasse pè un regalo dello Stato!
      Lo sanno i giovani pieni dè disagi...
      perché er lavoro manca pure cò la Legge Biagi!
      Lo sa la gente che lavora già
      perché a penzione non è più realtà!
      Lo sanno le famjie dei poveri ammazzati...
      perché cò la scusa de la pace nun sò più tornati!
      Lo sanno i malati in fila all'ospedale
      mentre er ministro grida che er fumo fa più male!
      Lo sa chi non vota, come i carcerati
      che senza farmaci nun sò più curati!
      Lo sa purtroppo tutta la gente
      che ha perso i punti della patente!
      Gli abitanti dè Scanzano lottano pè le storie
      nate da un decreto che jà scaricato solo scorie...
      Lo sanno le donne che cercano un bambino
      che cò a fecondazione artificiale stanno a fà un casino...
      Sò più contente quelle cò er secondo regazzino
      perché cò mille euro ce fanno er corredino...
      Lo sa l'immigrato che s'è fermata la proposta Fini...
      perch'è s'è n'cazzato Storace e dimessa a Mussolini!
      Lo sanno oramai tutti che er governo ce riempie dè cazzate
      e ce censura la Guzzanti pè levacce pure dù risate!
      A facce ride mejo ce pensa a riforma deè penzioni
      tanto lì cazzi amari nun sò mica pè Maroni!
      Nun c'è verso dè cambià un po' aria...
      che ce rifregano cò la finanziaria:
      condono, ricondono e concordati preventivi
      pè racimolà sempre più quattrini!
      Margrado tutto restamo un popolo contento
      e n'vece dè n'cazzacce perché vivemo a stento
      chiedemo a Babbo Natale solo dù doni:
      levace dè mezzo tremonti E berlusconi...
      facce er miracolo eccezionale
      Pè festeggià tutti un vero, maggico natale!
      Lella Frasca
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Lella Frasca

        A zi Renà!

        Da quanno che stai in penzione
        anima e corpo hai dato a la Sezzione!
        Lì cè la vita de na generazzione
        che ha verzato er sangue pe a Liberazzione!

        Nun basta na targa a la memoria
        pe li compagni d'oggi senza storia!
        A zi Renà!
        Ancora nun sei stanco de sognà?

        Nun se po crede! Nun ce se po penzà!
        T'aspetti pe le tessere Veltroni
        e te ritrovi, sarvognuno, Berlusconi!

        A zi Renà!
        A mano nun je se poteva proprio dà!
        Ma je potevi chiede se armeno se voleva tesserà!
        Lella Frasca
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Lella Frasca

          Caterina

          Nun me chiede come t'ho 'ncontrata
          na casella su facebook sé proprio spalancata,
          un clik e me corpisce subbito er tuo viso
          ma quello più sgargiante è stato er tuo soriso!

          Me metto a smucinà la' ner diario
          e scopro a quanto ciai da fa cor corniciaio;
          'nfatti urtimamente hai ripreso a pennellà;
          nele mani e ner cervello ciai un pozzo de creatività!
          Sei Brava! Er mare, li fiori e tutta la Sicilia fai brillà!

          Punto dopo punto hai 'mbastito er coredino...
          Copertina, lenzolo e quarche bavaijno,
          pe' Gaia tua! Il tuo primo confettino!

          Te piace la cucina e ami l'arte culinaria
          e con farmville sei forte pure come agraria!

          Quanno me senti giù, giù ner burone,
          sei tanto cara e me dedichi attenzione.
          E' come se da sempre tu de me te prenni cura
          e credo ner miracolo de na storia bella e duratura!

          Io penso che la passione dele donne
          nun se misura dale gonne
          ma dall'occhi, l'arte, er core
          e da quanto danno amore!

          Stamatina là in cucina
          rimiravo er tuo quadretto
          e pensannote un pochetto stavo già de bell'aspetto!
          Me sai dà forza... e da lontano sei vicina...
          sei speciale oh caterina!
          Lella Frasca
          Composta mercoledì 19 settembre 2012
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di