Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Leandro Mancino

Studente di Psicologia, nato sabato 23 settembre 1989 a Benevento (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Leandro Mancino

Una vita incolore

Occhi per piangere,
sorriso per fingere,
cuore per battere,
e mani per coprire il suono delle urla.

Dolce lacrima in quell'angolo di vita,
stringi forte le tue fredde braccia,
quel cuore continua a battere...

Non permettere al mondo di farti crollare,
non permettere al mondo di farti cadere,
vai nel tuo angolo e non fart sentire...

Dolce lacrima sulla tua guancia,
amari ricordi vuoi fare andar via,
urla e incubi non son roba tua.

Tu sei sole,
tu sei aria,
tu sei gioia,
tu sei amore.

Tu sei luce,
tu sei vita
tu sei voglia,
tu sei l'unica mia ragione.

Dolce lacrima in quell'angolo di vita,
stringi forte il tuo cuore fermo,
quel cuore deve pulsare...

Non dovrà esistere in te un male,
non dovrà sfiorarti la voglia di mollare,
non dovrà mai e poi mai azzannarti questo pizza di vita incolore.

Fallo per te,
fallo per loro,
fallo per me che ti scrivo e da lontano ti adoro.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Leandro Mancino

    Giullare...

    Giorni e mesi ad aspettare,
    mesi ed anni a disperare,
    A sperare che qualcuno
    si ricordi del nessuno.
    Un amico, un conoscente...
    ma purtroppo non c'è niente
    né nessuno, e mai sarà
    qualcheduno per lui, là.

    Ma è inutile parlare...
    lui è un semplice giullare,
    pronto a entrare a una battuta
    e a subir la ricaduta
    nell'abisso, in un momento,
    sempre con grande sgomento.
    E perdendo nuovamente
    tutto e nulla, nulla e niente.

    Sconosciuto e solitario,
    nel suo velo millenario,
    sconosciuto a tutti quanti
    agli assenti ed agli astanti.
    Nei suoi panni di nessuno
    solo, senza mai qualcuno.
    E scampa alla monotonia
    sol facendo... di poesia...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Leandro Mancino
      Ognuno fa le proprie scelte secondo i propri interessi...
      Io voglio una cosa... l'altro no.
      L'altro vuole una cosa, io no.

      È normale... è la vita.

      Nessuno combatte una guerra per gli interessi altrui.
      Nessuno rompe il proprio equilibrio per migliorare quello altrui.

      Forse anche io mi comporterei così... forse.
      Perché a volte io mi perdo nell'amore, e non ne voglio più uscire.
      Perché a volte l'amore può farmi diventare un eroe... e allora non importa quanti nemici io abbia, li batto tutti... e nessuno avrà la vittoria se non me.

      Forse...
      Forse...
      Forse...

      L'importante è fare il possibile, io non posso dire di non averlo fatto.
      L'importante è crederci, ed io ci ho creduto...

      Ho creduto in un mondo diverso, con colori diversi.
      Ho creduto ai sogni...
      Ho creduto di poter vivere di illusioni per poi constatare che queste non fossero tali... erano semplicemente realtà.
      Ho creduto di poter accettare la realtà...
      Ho ceduto di non dover piangere...

      Ho creduto...
      E questo mi basta.

      Ora tocca a me, lasciami star così per un po'... un giorno tornerò e torneremo a sorridere insieme.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Leandro Mancino

        Rime per te, amica mia

        Scusa se non faccio altro che pensarti,
        scusa se non riesco più a parlarti.
        Scusa ancor per quello che ho detto,
        e scusa per quello che ho fatto.

        Scusa, non volevo farti soffrire...
        scusa, volevo solo sapere.
        Scusa se non so cosa provo,
        scusa, io ti chiedo perdono.

        Scusa, io sono geloso,
        scusa ancora, se sono confuso.
        Scusa se fingo di non vederti,
        scusa se ho scritto di non volerti.

        Alcune volte mi chiedo perché tutto questo,
        la vita mi pesta e dona anche il resto.
        Il mio cuore è in tempesta...
        sto male, ma fingo di far festa.

        Sospiro, ti guardo e ti ascolto
        sperando di non essere scorto.
        Forse ti amo, ma non in quel senso...
        forse son cotto, ma ora non penso.

        Ora io scrivo queste due rime,
        la matematica è brutta e un po' mi deprime.
        Sembro un cretino, ma forse mi sfogo...
        spero ti piaccia, non credo sia poco.

        Scusami ancora, giuro è l'ultima volta!
        Spero che un giorno si apra la porta!
        Spero che un giorno tu ancora mi aspetti amica mia...
        voglio solo che non sia una semplice utopia.
        Vota la poesia: Commenta