Scritta da: Laila Ken

È la vita

È la vita.
La vita in un sogno dolce e meraviglioso,
un sogno senza tempo e senza limiti,
un sogno aggrappato ad un filo di speranza,
un sogno sospeso in un baratro di solitudine.
Chiudi gli occhi e osservalo.
Vedi mille ombre oscure e belle in un vuoto
immenso ed eterno da farti fremere di paura.

È la vita.
La vita in un sogno splendido e radioso,
un sogno che non puoi sognare ad occhi aperti,
un sogno impossibile da capire e ancor meno da spiegare.
Chiudi gli occhi e osservalo.
Vedi mille luci colorate e splendenti in un vortice senza fine e così profondo da farti fremere di impazienza.

È la vita.
La vita in un sogno che si consuma lentamente silenzioso,
ti passa accanto e tu non hai il coraggio di afferrarlo.
Lui se ne va e tu l'aspetti invano
questo sogno indefinibile e strabiliante
che ti porta verso la morte.
Laila Ken
Composta mercoledì 12 agosto 2015
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Laila Ken

    Sogno

    Amico non morire,
    non lasciarti trasportare via dal tempo,
    non disperderti nel mondo irreale della vita,
    non tormentarmi più con la tua silenziosa assenza,
    non chiedermi il perché della mia vita.

    Amico non morire,
    non lasciarmi nel mare immondo di questi strani sentimenti che si sgretolano tra le dita senza lasciarmi un alone di tenerezza,

    Amico non morire,
    non bruciare la voglia di amare,
    allontana le strane sembianze del nulla,
    rompi i confini del silenzio,
    infrangi le terre dell'immortale.

    Amico non morire,
    sono io che sto qui ad attenderti,
    ad aspettare un tuo cenno,
    a sognare un tuo miraggio,
    sono io che ti cerco invano.

    Amico non morire,
    aspettami ancora un po',
    dammi ancora un po' di tempo,
    ancora un po' di vita
    prima di seguirti nell'eternità, amico.

    Amico muori, sono con te.
    Laila Ken
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Laila Ken

      Grazie amore

      Le onde si infrangono dolcemente nella riva,
      sento il rumore ma non ascolto
      accovacciata in me stessa con la testa sulle gambe.
      Un film in bianco e nero mi proietta fotogrammi della mia vita:
      gioie e dolori, sensazioni e sentimenti, cadute e rinascite.
      Mi invade una paura latente di un futuro incerto e non più giovane.
      Alzo il capo, giro la testa e lo vedo: l'amore di una vita.
      Sorrido tranquilla.
      È accanto a me come lo è sempre stato e come lo sarà sempre.
      Grazie amore.
      Laila Ken
      Composta domenica 2 agosto 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di