Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Klara Erzsebet Bujtor

Nato a Keszthely (Ungheria)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Voglio che il mondo sappia di me

Voglio che il mondo sappia di me,
che ho vissuto una vita squallida,
senza gloria,
senza con un mio piccolo merito
di essere umana.

Ho camminato a lungo
in me tutti i sogni del mondo
e non ho visto il colore del cielo
dal velo opaco del male
sui miei occhi
e con crudel ferite dolenti,
che mai lottato per la libertà

E mi viene da ridere,
se c'è ancora qualcuno
che crede negli angeli,
quando la bomba che scoppia,
e il mare inghiotte le speranze,
l'amante uccide l'amorosa donna,
e i bambini giocano con il telecomando,
e l'ingiustizia inaudita
senza timore può uccidere.

Il mondo è come un cane randagio
pieno di pidocchi e sanguisughe
e muore lentamente
davanti agli occhi indifferenti
questa umanità demente.
Composta domenica 10 aprile 2016
Vota la poesia: Commenta

    Una bambina che sognava, sognava...

    Mamma, racchiudimi stretta nelle tua braccia,
    e proteggimi dal male!
    Non lasciarmi sola con le ombre scure, con rumori strani,
    con la compagnia della gelida paura,
    sono spaventata e minacciata dal male!
    Portami nel mezzo di prati verdi,
    sotto i raggi dorati del sole
    e correre dietro le farfalle con le braccia aperte,
    e rotolarmi sull'erba vellutata,
    dimenticando del male
    il cielo è disegnato con le nuvole,
    e di mille colori di fiori profumati.
    E il tuo dolce volto sorridente e
    il tuo morbido, divino abbraccio,
    colma il mio cuore di gioia immensa,
    e uccide il male
    donandomi forza per il cammino
    della mia vita.
    Composta mercoledì 31 gennaio 2007
    Vota la poesia: Commenta
      Che cosa sarà di me
      quando smetterò di sognare e sarò un cadavere
      sepolta in una fossa profonda,
      con la mia foto sospesa sulla croce
      sorridente, pare felice di stare là
      ... sotto piogge battenti, bianca neve, sotto mantello di primavera,
      sempre con il sorriso inciso sulla carta
      mentre il mio povero corpo diventa poco a poco polvere,
      ricco concime alla terra,
      e spunteranno erbe, fiori, forse anche un albero.
      chi lo sa.
      Violetta vorrei rinascere,
      azzurra come il mare
      serena dondolare nel felice vento,
      e m'innamorerà il sole,
      mi adorerà la dolce luna e lampeggeranno le stelle argentine con lo stupore
      e sarà l'intero universo in un solo fiore
      nella mia violetta di color mare.
      Composta mercoledì 26 ottobre 2011
      Vota la poesia: Commenta