Scritta da: Andrea De Candia
Piove nella conchiglia blu della città
Piove e il mare si lamenta
I morti piangono senza tregua senza ragione senza fazzoletti
Gli alberi si stagliano contro il cielo viaggiatore
Esibendo i loro membri ispidi agli angeli e agli uccelli
Perché piove e il vento tace
Le gocce folli pennate di sporcizia
Scacciano i gatti nelle strade
E l'odore vischioso del tuo nome si sparge sul cemento dei marciapiedi
Piove mio amore sull'erba spianata
Dove i nostri corpi distesi hanno gioiosamente germogliato
Per tutta l'estate
Piove oh madre mia e anche tu non puoi farci niente
Perché l'inverno avanza solitario sulla distesa delle spiagge
E Dio ha dimenticato di chiudere il rubinetto.
Joyce Mansour
Composta martedì 4 agosto 2015
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di