Scritta da: underdog

Del tatto

Avvicinati piano ai miei domini;
che le tue dita tentino lo spazio
ciecamente, l'oscurità'che avvolge
il mio corpo; che costruiscano un cammino
e giungano fino a me attraverso il velo
spesso e taciturno delle ombre.
Salvami con la luce che hai fra le dita
se mi toccano, scongiura l'indolenza,
scaldami o ustionami col tatto
splendido e chiaro delle tue mani.
Come le farfalle della notte
fino alla fiamma volerò, da te evocata,
che preferisco bruciare che restare oscura.
Josefa Parra
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di