Virgilio

Poesie di Johann Wolfgang Goethe

Poeta, scrittore e drammaturgo, nato giovedì 28 agosto 1749 a Francoforte sul Meno (Germania), morto giovedì 22 marzo 1832 a Weimar (Germania)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Racconti.

Commenti:
1
Se ieri la tua testa ancora bruna
era come i capelli dell'amata
la cui dolce figura di lontano
silenziosa m'accenna, ecco le vette
grigio argentea ti segna ora precoce
la neve che la notte tempestosa
ti traboccò sulla riga. Ahi gioventù
che la vita congiunge così stretta
alla vecchiezza, come un sogno
mutevole congiunse ieri ed oggi.
Johann Wolfgang Goethe
Vota la poesia: Commenta
    So che nulla m'appartiene
    fuor del pensiero, che intanto
    vuol sgorgare dall'anima mia,
    e di quell'attimo esatto
    che una benigna sorte mi concede
    di goder fino in fondo.

    Ich weiss, dass mir nichts angehort
    Als der Gedanke, der ungestort
    Aus meiner Seele will fliessen,
    Und jeder gunstige Augenblick,
    Den mich ein liebendes Geschick
    Von Grund aus lasst geniessen.
    Johann Wolfgang Goethe
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giorgio De Luca

      Gingo biloba

      La foglia di quest'albero, affidato
      dall'Oriente al mio giardino,
      sensi segreti fa gustare
      al sapiente e lo conforta.

      È una cosa viva che
      in se stessa è divisa?
      O sono due, che hanno scelto
      le si conosca in una?

      In risposta alla domanda
      il senso giusto l'ho trovato:
      non avverti nei miei canti
      che sono duplice e sono uno?
      Johann Wolfgang Goethe
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: mor-joy

        Vicinanza

        Quando spesso, piccina mia,
        mi diventi, io non so come, estranea;
        quando ci confondiamo tra la folla
        a me si soffoca ogni gioia.
        Ma quando è buio e quiete intorno a noi,
        dei tuoi baci ancor mi riconosco.
        Johann Wolfgang Goethe
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Lucio Dusso
          L'Italia è ancora come la lasciai, ancora polvere sulle strade,
          ancora truffe al forestiero, si presenti
          come vuole.
          Onestà tedesca ovunque cercherai invano,
          c'è vita e animazione qui, ma non ordine e disciplina;
          ognuno pensa per sé, è vano, dell'altro diffida,
          e i capi dello stato, pure loro, pensano solo per sé.
          Bello è il paese! Ma Faustina, ahimè, più non ritrovo.
          Non è più questa l'Italia che lasciai con dolore.
          Johann Wolfgang Goethe
          Vota la poesia: Commenta