Cerco di immaginare come sarà
il mio presente
Contraddizioni insorgono
come luci abbaglianti
di macchine in corsa
nella notte buia.
Cerco poi nelle mie tasche
per vedere se qualche granello
dell'imminente e lontano passato
è rimasto
come polvere
nascosto infondo
in qualche angolo
non sospetto alla vista.
Cerco, cerco, cerco
e trovo tanta polvere.
Dalle mie mani viene afferrata
in modo da poterla vedere meglio.
Gli occhi incominciano a bruciare
sempre di più, sempre di più
Sarà meglio che la rimetta nelle tasche
o che la faccia disperdere via per sempre?
Jessica Betti
Vota la poesia: Commenta
    Quanta voglia avrei
    di gridarti quanto mi manchi!
    Ma mi ritrovo ad urlarlo
    infinitamente dentro il mio cuore
    facendo eco nella mia testa.
    E non mi fa dormire...
    mi contorco cercando di afferrare
    la mia ansia per un piede.
    Devo stare attenta a non farla fuggire,
    chissà altrimenti cosa potrebbe fare!
    Non so quanto ce la farò ancora
    a respirare senza che le parole
    disertino dalla mia bocca.
    Ma che differenza potrà mai fare
    un grido di dolore
    soffiato dentro una sfera
    di finissimo cristallo
    o nello spazio di infinite distante!?
    Jessica Betti
    Vota la poesia: Commenta

      Vita mia (Eluana)

      Vita Mia
      fatta di gioie e d'incertezze
      fatta di paure e di carezze
      Vita Mia
      che mi hai lasciata troppo in fretta
      avevi forse paura della mia troppa voglia di vita?
      Davanti ai miei occhi c'erano
      infinite pianure
      infinite discese
      e infinite salite
      ma erano le mie pianure, le mie discese e le mie salite.
      Stelle cadenti in un'oscurità di cielo
      erano i miei sogni.
      Vita Mia
      non mi lasciare sospesa come piuma
      sono intrappolata in questo corpo
      ma la mia mente vola via.
      Ho solo gli occhi per vivere
      ma se solo potessero esprimere
      ciò che la mia anima sente
      sarebbero un temporale.
      Vita Mia
      lasciami esplodere.
      Voglio di nuovo vivere
      sentire la libertà accendere ancora il mio spirito
      scalfire questo scudo che trattiene la mia forza.
      Vivrò ancora un giorno
      certo non qui
      in un altro luogo o forse spazio
      neanche io lo so dire
      fino a quando
      Vita Mia
      non ti rassegnerai
      a lasciare il mio corpo
      per sempre raffreddare.
      Jessica Betti
      Vota la poesia: Commenta
        E poi mi fermerò a guardare:
        ombre riflettersi in specchi d'acqua,
        voglie nascondersi tra la folla,
        pensieri scappare guardandosi indietro,
        sguardi fugaci rubare immagini.
        Sono seduta
        e guardo lontano.
        Laggiù infondo
        dove il cielo si confonde con la terra,
        dove lo sguardo dell'anima
        trapassa i colori e le immagini,
        va oltre...
        oltre la vista
        oltre il sapere
        oltre la parola.
        Jessica Betti
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di