Poesie di Jean-Paul Malfatti

Freelance, nato lunedì 30 giugno 1986 a Como (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Jean-Paul Malfatti

Morte, o' morte!

(domanda)
Morte, ò morte,
perché mi persegui?
Sei la mia sorte?

(dubbio)
E su quel patto
che, 25 anni fa,
con te ho fatto?

(certezza)
Ti ho sentito,
e, da lontano,
t'ho anche visto!

(chimera)
Delusa ti sentirai,
perché la mi anima
tu non mai l'avrai!

(la fine)
E il corpo morirà,
ma lei, l'anima,
per sempre vivrà!
Jean-Paul Malfatti
Composta sabato 17 marzo 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Jean-Paul Malfatti

    Òh Dio! Òh dei!

    Òh Dio, Dio dei credenti,
    perché tanta insistenza
    nel voler convalidare
    la Tua propria esistenza?

    Òh dio, dio degli atei,
    perché tanta insistenza
    nel voler confermare
    la tua irreale esistenza?

    Siete entrambi coinvolti
    in una guerra stupida,
    meschina e insensata che
    ha già fatto tanti morti.

    Lasciate perder le vostre
    diatribe e sforzatevi
    per fare qualcosa di utile
    per tutti i meno fortunati.
    Jean-Paul Malfatti
    Composta sabato 25 febbraio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Jean-Paul Malfatti

      Fiori, vi amo!

      Fiori, vi amo!
      Senza di voi
      la vita non
      avrebbe colori.

      La vostra
      dolcezza
      zucchera
      l'amaro dei
      giorni tristi.

      La vostra
      tenerezza
      rende la vita
      meno dura
      e più allegra.

      I vostri
      profumi e
      colori intensi
      m'invadono
      cuore e anima.

      Fiori, vi amo!
      senza di voi
      il mondo
      sarebbe ancor
      più triste.
      Jean-Paul Malfatti
      Composta giovedì 23 febbraio 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Jean-Paul Malfatti

        Era arrivata la primavera

        Tra le farfalle colorate,
        volavano anche le falene;
        Tra le api da miele,
        volavano anche le libellule.

        Ali diverse che vibravano,
        in voli veloci e simmetrici,
        intorno agli alberi
        di un bosco magico e silente.

        Insetti volanti che uscivano
        dai loro rifugi annunciando
        l'arrivo della primavera!

        Anche dagli alberi secchi
        sbocciavano fiori multicolori.

        Un miracolo della natura che
        ad ogni primavera si ripete
        davanti i miei occhi curiosi
        che sorridono come stelle.
        Jean-Paul Malfatti
        Composta sabato 18 febbraio 2012
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di