Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Ivonne Maestroni

Donne come noi

Raggomitolate
nell'angolo della solitudine
ascoltiamo
il suono delle lascrime
scorrere
sopra la pelle e i ricordi.
Prigioniere
di un amore
gettato nel vuoto,
circondate da fantasmi,
interroghiamo il tempo,
aspettando
l'antico sole
risplendere.
Noi,
donne uniche e speciali,
raccogliamo
i pezzi della nostra anima
marginiamo
ferite e dolori
sognando di correre
a passi leggeri
lontano nell'infinito...

Brividi di libertà!
Vota la poesia: Commenta