Le migliori poesie di Iris Vignola

Autrice di Trilogia fantasy, fiabe e Poetessa, nato a LA SPEZIA (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Racconti.

Scritta da: Iris Vignola

Ibrida creatura

Ali angeliche,
su, di demone, il corpo,
senso non hanno,
o spirito assorto,
immobile,
solitario,
in cerca quasi di agognante conforto.
Son qui, a scrutarti,
sogno o son desta?
Se di sogno trattasi,
realtà non può essere...
muovermi non oso
e, al tuo avvinghiante sguardo,
rispondere, neppure provo.
Se, all'inverso, sei tu reale
qui esser non dovresti,
bensì nel tuo mondo irreale,
fatto di ghermente fuoco infernale?
Neri angeli ribelli?
Anime fosche e dannate?
O forse son tutte sbagliate?
Fatto di impalpabili nubi leggiadre?
Candidi angeli, eletti?
Esseri di luce coperti?
Rispondermi non vuoi?
Ebbene, allora oso
e, nei tuoi occhi,
seppur con trepido timor,
lo sguardo mio, poso.
Occhi non d'inferno plasmati,
né di azzurri cieli sconfinati.
Comprendere non so,
ma una cosa è certa,
quella lacrima che scruto scendere, lenta,
non è perversa, né insulsa
ibrida, fragile, confusa creatura.
Vederti così soffrire
tu che, da laggiù, vieni,
o da lassù.
È, la mia mente, ferire.
Iris Vignola
Composta mercoledì 19 marzo 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Iris Vignola

    Sirena

    Dolce sirena del mare...
    Quanto dovrai aspettare?
    Biondi e lunghi capelli,
    fra l'esili dita,
    scivolano, fluenti...
    Tra cerulea acqua marina,
    infrangi l'onda,
    che, tenue luce,
    d'alba nascente,
    manifesta cristallina...
    al pari del tuo viso,
    ancora da bambina...
    Poi t'immergi,
    con armoniosa movenza,
    nel profondo
    della tua casa immensa...
    E piroetti...
    E ti rituffi...
    E risali la spirale,
    come graziosa danzatrice,
    danzante nel suo mare...
    E torni a galla...
    Il caldo sole... scalda...
    Allorché, a lui, ti doni...
    l'azzurra coda s'alza...
    Di nuovo, scruti l'orizzonte,
    ma non veliero, tra l'onde,
    apparir, al tuo sguardo,
    sovviene,
    mentre, al pensiero,
    memore del sogno tuo,
    anelato,
    nitida immagine risorge,
    del tuo adorato
    Principe innamorato...
    Ma sconforto non temi,
    giacché, tu, lo sai,
    che sei l'unico amore
    e, lui, per te,
    donerebbe il suo cuore...
    Quindi, vestire devi,
    di serena attesa,
    l'anima tua, smaniosa...
    mentre di te,
    soave canto,
    d'amore narrante,
    il vento diffonde,
    vibrante...
    affinché il sogno tuo,
    sospirato,
    la mera realtà rapisca,
    per farlo divenir realizzato...
    in men che non si dica.
    Iris Vignola
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Iris Vignola

      Vite senza tempo

      Rumoreggia il silenzio,
      nella coscienza attenta.
      Grovigli di pensieri,
      Intersecati come fili,
      tentacoli, nella mente, radicati.
      Chiazze d'oblio,
      lapsus di vita passata
      e, nel contempo,
      visi improvvisi,
      sprazzi d'eventi remoti,
      come lampi che affiorano dall'io.
      Giù nel profondo,
      scavando tra memorie antiche
      che, sapienti,
      riconducono i ricordi,
      appartenenti all'anima immortale.
      Effimere vite,
      vissute quanto un battito di ali.
      Realtà irreali,
      materia che non vale quasi niente,
      che si disgrega,
      come nuvola col vento,
      sotto l'inverecondo influsso
      d'un fuggente tempo,
      che lo spirito non teme, ma divora,
      nutrendosi di fasci d'ore e di minuti,
      onde approdar all'esistenza muta,
      in una dimensione ancora pura,
      nel suo non tempo,
      eterno ed assoluto.
      Iris Vignola
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Iris Vignola

        Scarpette rosse

        Leggiadra all'apparir, sovvieni, al pari di dolce farfalla,
        volteggiante nell'aria tiepida di primavera in fiore.
        Son ali colorate, le tue scarpette rosse,
        di lucente raso create, nastrate alle caviglie,
        come, da tempi immemori, son solite far le ballerine.
        Punte gessate, su cui spiccare il volo,
        acciocché farti ammirare, tentando di scordar dolore e ansia,
        roteando, aggraziata, in vorticose pirouettes infinite,
        esile trottola, nell'armoniosa danza,
        ritmata al cadenzar d'una soave melodia,
        nell'attitude, nel fouettè, nel pas de chat,
        nel coup de pied, nel developpè, nell'arabesque,
        le tue movenze fluidamente delicate trasudano energia
        e fan di te poesia, sublime libellula danzante,
        sposata al sacrificio, senza alcun indugio,
        a cui ti doni con passione e dedizione,
        per tornare ad esser ancora e ancora notturna falena,
        attirata dall'aura iridescente della scena,
        nell'istante supremo d'apertura del sipario,
        quando, ad occhi chiusi, trai un respiro più profondo,
        per balzare dalle quinte e volare su quel palco,
        avvolta in altrui vesti, d'organza e di paiettes,
        giacché narrar le storie, con la tua suggestiva danza,
        preludio, fulcro, epilogo del cantico d'amore.
        Iris Vignola
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di