Scritta da: ilBianco EilNero

Sottopelle

Non mi era mai capitato di sentirti così forte. Sottopelle.
Per poi scorrere con la stessa intensità verso il petto.

Sei desiderio convulso che freme sulla pelle.
Sei voglia che morde affamata la carne.
Un piacere doloroso che attanaglia le viscere.
Come ossigeno dopo un'apnea.
Sei pensieri che pulsano nel mio sesso e colano imperlando le cosce.
Carne scoperta che brucia all'aria e pelle tremante.

Sei fame ossessiva. Bulimica. Insaziabile.

Sei urgenza nell'attesa.

Non mi era mai capitato di sentirti così forte sottopelle.
Di sentirti così prepotente dentro me.
I tuoi pensieri spansi dentro i miei, il tuo cazzo perso dentro me.
Nella mia figa, nel mio culo, nella mia bocca.
Così forte da non riconoscere più i miei confini.
Così travolgente da togliere il respiro.

Non mi era mai capitato di sentirti così forte sottopelle.
Così forte da sentire il tuo piacere e farlo mio.

Non mi era mai capitato.
Mai.
Di sentirti così.
Tra la pelle ed il cuore.
IlBianco EilNero
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ilBianco EilNero

    Amor vero

    Veleno sono io,
    corpo sgualcito dalle pene,
    fragile nei peccati e
    consumato dalle colpe.

    Il muscolo rosso,
    pulsa,
    si gonfia,
    e straborda nel petto,
    fino a scoppiare.

    Affondo la lama,
    profonda nella carne.
    Una breccia da cui
    far spurgare l'amore.

    Fluisce il dolore come sangue,
    corre sotto pelle fino alla bocca
    e si spegne sulle tue labbra.

    "Qual è l'amor vero,
    quello che muore, o quello che uccide?"
    IlBianco EilNero
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di