Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Ida Vinella

Giornalista, nato mercoledì 23 gennaio 1991
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Ida Vinella

Infanzia nel cuore

Sorride alle stelle
il cucciolo inerme
avvolto nel caldo buio notturno
che lo protegge.
Sogna il domani
un mondo azzurro
di rose e comete,
e stringe nel cuore
un talismano di miele.
Passa una nuvola,
il bimbo gioca nel bianco
immacolato splendore di vita;
lo riscalda un abbraccio
e si sveglia nel domani.
Un istante ed è padre,
sogni svaniti come le nuvole,
sconfitte nel cuore
l'amore fra le braccia.
Il bambino lo fissa, si specchia
immagina il suo mondo
e il cerchio continua.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Ida Vinella

    Amore non c'è

    Tace la luce notturna, il colore
    scompare nel fiume scuro del silenzio...
    qui mi accascio.
    Un Cupido severo
    mi ha strappato l'anima
    con le sue ali nere
    [brandelli di fuoco, artigli di fuoco].
    Disperazione che sa di fiele
    un canto ululato alla luna
    che nuvole arse di vento
    ricoprono
    con cenere grigia, si perde...

    Amore non c'è più,
    spento il fuoco un ardore di morte
    mi strazia,
    il nulla mi accarezza
    lussurioso
    e piange la foglia di pece
    che avvizzisce nel petto
    al posto del cuore.
    Luna tramonta, grida nel vuoto
    e il silenzio mi lusinga
    nel sogno di un amore perduto.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Ida Vinella

      Fuggiasco

      Scappa
      mantello argentato di sogno
      di fuga tu vivi ogni notte,
      lasci caldo il guanciale
      che anela un ritorno... è freddo.
      Il rosso ti insegue nell'ombra
      carezzando le tue ciglia
      e posando brina d'amore
      su un cuore che arde
      ogni giorno, per chi?
      Notte cortese
      fin troppo,
      schermo al tuo sguardo
      di fiamma, si chiude
      si schiude
      trafelato nella corsa del perdono.
      Castello di aria
      fuggi nel vento
      perché qui che ti aspetta
      rimarrà sempre
      l'ingenuità.
      Vota la poesia: Commenta