Virgilio

Poesie di Grazia D'Altilia

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Quando...

Quando
per tutti è sterpaglia
e punteggia ai miei occhi invece
come cromatica sottigliezza
di corolle delicate la magia.

Quando
il retro del giorno
dal sonno invece dilata la pupilla
e ladra gemme di Pleiadi ruba
a riscaldare l'assenza della luce.

Quando
musica è il cielo
ad orecchie sorde pura atmosfera invece
e onde di steli e foglie cullate
dolcezza di verba a declamare.

Quando
ciò tutto accade
sul tocco intimo del mio pensiero
tu di tenera carezza sfiori
per dormire nella tua la mia mano.
Grazia D'Altilia
Vota la poesia: Commenta

    Al tramonto, sopra il lago

    Monete di cielo tra le foglie,
    ancora, riempiono gli occhi.
    Lo scintillio del crepuscolo
    plasma labbra diamantate,
    ne sorride la limpidezza.
    Fibrilla l'acqua
    fibrilla il cuore,
    quando il silenzio del vento
    alita pace.
    Cuscini d'erba scendono a bere
    con nastri smeraldo, medaglie di fiori.
    Nervose radici d'albero in vita
    broccano il suolo
    sul bordo già smerlato.
    E l'aria vellica l'aria
    con lo strascico delle essenze.
    E il suono vibra fievole
    nel solitario, lontano, gracidare.
    E il pensiero dilaga largo
    nelle galassie del creato,
    con il sole che s'addormenta
    e la luna già sveglia...
    Rugiada tra lo sguardo
    al tramonto, sopra il lago.
    Grazia D'Altilia
    Vota la poesia: Commenta

      L'amore nascosto

      Dove cercarlo io non saprei
      Se nella spinta dell'altalena
      quando una madre lascia
      la figlia toccare il cielo
      Se nei fogli chiusi in buste
      che inviano S.O.S.
      Sparati tra confini come bombe
      Se nell'edera di due braccia
      tra cui il sole sorge
      mentre la notte ripone l'abito
      Se nelle lacrime dell'uomo
      dove la barca galleggia a stento
      dinnanzi ad anime in volo
      Se nelle grinze color tabacco
      quando il tempo scolpisce nonni
      e il loro dire insegna il fare
      Se nella voce di Dio
      che bisbiglia dall'ansa della fede
      e rintrona in mezzo al petto
      Se nel saluto delle foglie al vento
      nelle note odorose e il fiore che danza
      mentre la formica s'aggrappa stretta
      Se nei chiaroscuri dell'iride potente
      che, di turno, ripennella i cieli
      e il sipario chiude con un arcobaleno
      Se nella mano che stringe altra mano
      o nella gioia che non m'appartiene
      e nel dolore che immagino appena.
      Grazia D'Altilia
      Vota la poesia: Commenta