Poesie di Giuseppe Valenti

Artista contemporaneo, nato a Catania (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Giuseppe Valenti

Traditamente

Se un uomo viene tradito
di sicuro si sente ferito.
Intimorito dalla vergogna
preferisce finire in una fogna.
Così tratta la sua lei
come un gruppo di plebei.
Ma se l'uomo tradisce
non sa che la ferisce.
Venerando la sua amante
per un gioco più intrigante.
Tutto ciò che ha amato
presto sarà cancellato.
Il dilemma della passione
diventerà solo un'ossessione.
Ma tradire o traditi
questo è il gioco dei banditi.
Perché da sempre tradimento
sei lo schiavo del godimento.
Giuseppe Valenti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Valenti

    Est Anima

    Fanno parte del nostro passato
    ma il loro corpo è ormai trapassato.
    In un campo di rose spinose
    si intravedono le loro anime luminose.
    Crediamo di non vedere il loro amore
    ma palpitano forte nel nostro cuore.
    Sospiri gelidi in una notte oscura
    si manifestano nella loro natura.
    Forse i nostri occhi hanno sempre ignorato
    coloro che da sempre ci hanno aiutato.
    Angeli custodi o anime spettrali
    si intravedono spesso nei nostri ospedali.
    Se l'amore per loro è davvero infinito
    il loro fuoco non sarà mai finito.
    Giuseppe Valenti
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Valenti

      In passione

      In un auto isolata
      la nostra passione era iniziata.
      Baci profondi e contatti vibranti
      si fondevano nei corpi di due amanti.
      Forse il destino era stato improvviso
      ma l'emozione si leggeva sul tuo viso.
      Ho provato ad esplorarti
      accarezzando dolcemente le tue parti.
      La tua fretta mi tormentava
      nel mio corpo caldo come lava.
      Hai paura di incontrarmi
      ma non ho paura di scontrarmi.
      Guarda bene il tuo destino
      lo capirebbe anche un bambino.
      Non abbandonare la tua storia
      perché questa è la tua gloria.
      Giuseppe Valenti
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Valenti

        La preghiera

        Credendo nella mia religione
        ho invocato la mia guarigione.
        Una frustrazione profonda
        ha generato una crisi immonda.
        Ho visto il male tra la gente
        nel mio cuore negligente.
        Prego nel peccato
        ma sarò sempre criticato.
        Ho guardato nel futuro
        disprezzando il mio lato oscuro.
        Dunque questa è la mia preghiera
        nel buio della sera.
        Giuseppe Valenti
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di