Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuseppe Valenti

Artista contemporaneo, nato a Catania (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Giuseppe Valenti

Intriganza

Sono estremo, terreno e gratificante
forse sono affascinante.
Faccio ciò che mi spinge il cuore
seguo forte il mio ardore.
Ho vagato per anni nelle notti della mia terra
tra violenza e crudeltà sincera.
Forse nessuno crede alle mie esperienze
stravaganti, trasgressive ed appaganti.
Questi sono sono gli ignoranti.
C'è chi ti propone una vita di lavoro
chi una cassa piena d'oro
chi una casa grande d'abitare
chi un'auto di lusso da guidare
di sicuro nessuno di loro sa amare.
Io penetro nel profondo
ti trascino nel mio mondo.
Seguo insieme a te il cammino.
Come il fuoco di un camino.
Cerca pure la tua stabilità
ma se mi desideri
io sarò sempre qua.
Sempre.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Valenti

    Sporco mondo

    Guarda il mondo da vicino
    dove muore ogni bambino.
    Soldi, guerra e droga
    sono questi che li affoga.
    Pensiamo alla moda o al divertimento
    ma siamo noi che li stiamo uccidendo.
    Crediamo di non arrivare a fine mese
    ma le loro madri non si sono mai arrese.
    Forse hai vissuto la povertà
    ma mai nessuno ti ha tolto la dignità.
    Violentati e trucidati
    per volere dei soldati.
    Combattiamo gli estremisti
    ma siamo noi i terroristi.
    Se qualcuno ti cancella il tuo passato
    ben presto diventerai armato.
    Cogli bene la speranza
    se non vuoi che avvenga la mattanza.
    Non dar colpa agli immigrati
    ma al volere degli ingrati.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Valenti

      Sofferenze morbose

      Si soffre in una vita isolata
      oscura
      tenebrosa.
      Occhi penetranti ci affliggono
      ci avvolgono.
      Ci chiediamo perché viviamo
      perché soffriamo.
      Attraversando il nostro cuore
      in balìa dei nostri sentimenti.
      Forse c'è qualcuno che ci ama
      forse.
      Un piccolo sole dietro le nuvole
      esalta il nostro destino.
      Destino
      quale destino.
      Un destino depresso nella solitudine
      un destino represso dall'umanità.
      Tremiamo per una felicità immonda
      inesistente.
      Crediamo di amare
      di essere amati
      crediamo.
      Legati ad una religione che ci accudisce
      ci nascondiamo.
      Temiamo la morte
      l'odio
      la distruzione.
      Temiamo la vita.
      Odio scorre nelle nostre vene
      insipido
      doloroso.
      Non siamo liberi di scegliere ciò che amiamo
      siamo costretti.
      Siamo burattini di legno marcio
      ci manovrano
      ci comandano.
      Dove sei mia piccola libertà
      dove sei!
      Quando il sole cesserà di infuocare il cielo
      io sarò qui
      ad aspettarti
      senza scopo.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Valenti

        Malovizio

        Cercano soldi disperatamente
        ingannando spesso la gente
        lavorano come animali
        ma finiscono sempre come i maiali.
        Quando la loro roba è pura
        credono di non avere più paura.
        Percorrendo la strada più buia
        vengono presi dalla furia.
        Tutto questo faticare
        per un corpo da sballare.
        Che sia un giovane, un padre o un adolescente
        questo è il percorso di un demente.
        Meglio mendicanti in buona fede
        che drogati come prede.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giuseppe Valenti

          Infinitamente

          Così come il destino ci ha uniti
          non credo qualcuno possa dividerci.
          Osservo spesso la realtà
          dunque ho preso coscienza del nostro vivere.
          Spesso infame la mia calunnia
          spesso estrema la tua reazione.
          L'ozio mi ha reso così immobile
          ma capace di comprendere, di comprenderti.
          Ti ho spinta nel mio mondo
          ti ho cresciuta nel profondo.
          Gli sbagli ci hanno cresciuto
          condannando te ai miei capricci.
          Ma non dimenticare mai
          il dono del tuo ventre
          il seme del mio corpo.
          La conferma del nostro amore
          infinitamente.
          Vota la poesia: Commenta