Virgilio

Poesie di Giuseppe Ungaretti

Poeta, nato venerdì 10 febbraio 1888 a Alessandria d'Egitto (Egitto), morto lunedì 1 giugno 1970 a Milano (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Agglutinati all'oggi
I giorni del passato
E gli altri che verranno,

Per anni e lungo secoli
Ogni mattino sorpresa
Nel sapere che ancora siamo in vita,
Che scorre sempre come sempre il vivere,
Dono e pena inattesi
Nel turbinio continuo
Dei vani mutamenti.

Tale per nostra sorte
Il viaggio che proseguo,
In un battibaleno
Esumando, inventando
Da capo a fondo il tempo,
Profugo come gli altri
Che furono, che sono, che saranno.
Giuseppe Ungaretti
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giorgio De Luca

    Italia

    Sono un poeta
    un grido unanime
    sono un grumo di sogni
    Sono un frutto
    D'innumerevoli contrasti d'innesti
    maturato in una serra
    Ma il tuo popolo è portato
    dalla stessa terra
    che mi porta
    Italia
    E in questa uniforme
    di tuo soldato
    mi riposo
    come fosse la culla
    di mio padre.
    Giuseppe Ungaretti
    Vota la poesia: Commenta