Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Giuseppe

Sei nel mio cuore

Non pensare che la lontananza
o il silenzio
possano influire
sulle sfaccettature dell'amore.
Sei nel mio cuore,
non so come sei entrata,
ma l'alito infinito
che ti ha condotto, il vento
non potrà spezzare.
Nello spazio di sogni
il tempo vuoto pesa
della calma di baci
sul cuscino.
Vorrei condurti
sulla soglia dell'alba
fino al sole
ma non posso toccare la tua mano.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe

    Stelline scintillanti

    Il sole coi raggi dolci
    sussurra alla terra spoglia,
    sentono amore le zolle
    le parole toccanti
    in superficie
    disseminano i campi
    di colori,
    esulta l'aria
    anche i trilli
    sentono amore
    parlano tra loro
    di progetti di nidi,
    un alito di vento
    vuole partecipare
    sfiora i germogli
    e gli bisbiglia amore,
    il fiume scorre
    sembra brontolare
    l'ascolta il sole
    con i raggi d'oro,
    manda un guizzo
    all'acqua
    e fa l'amore,
    nascono le stelline scintillanti.
    Composta venerdì 20 marzo 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe

      Pasqua

      Pasqua, si levano preghiere
      dai vetri dell'orrore trasparisce
      l'animo umano
      con le sue contraddizioni.
      Segue la notte cupa l'alba buona
      apre la finestra vede il sole.
      Pasqua splende
      gioia di campane,
      anche la primavera prende parte
      con la festa di fiori...
      e il mondo dura
      immerso nella sorte
      del male e del perdono
      in questo ciclo intenso
      che parte dalla Croce
      risuscita nel segno dell'Amore.
      Composta venerdì 3 aprile 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe

        Primavera

        Il tempo
        ha raggiunto la pagina
        dell'equinozio,
        dietro i vetri
        c'è gran baccano,
        sono i segni
        della stagione nuova
        che si versa nei campi.
        La processione parte
        dai ciliegi di bianco vestiti,
        sfila tra cornici di germogli
        arrampicati a rami.
        E tornano le rondini,
        riportano gli anni
        a contare
        i balconi sospesi
        ma qualche balcone
        è crollato
        e questa vampata di luce
        non ha senso.
        Vota la poesia: Commenta