Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuseppe Freda

Nato a Napoli (Arabia Saudita)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo e in Racconti.

Scritta da: Giuseppe Freda

Elogio della follia

Io vorrei dirti
una cosa importante:
c'erano per davvero
tre uomini
ed una capra
sotto la volta
di quella
chiesa gotica,
là dove per la prima volta
mi confidasti
di essere fuggito
da un manicomio.
Là per là
non ti avevo creduto,
ma quando
insieme alla capra
ho visto e ti ho detto
che c'erano anche
tre uomini
in volo a guisa
di dirigibili
librati sotto
gli affreschi
aerostatici
del tempio del vescovo,
allora ho capito
che solo un folle
poteva non credermi.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Freda

    Evolution

    Il trilobite del paleolitico
    che si gloriava del suo esoscheletro
    fece amicizia col cefalopode
    che si vantava del suo tentacolo;
    finché non videro,
    giù nel Giurassico,
    un mastodontico pterosauro
    che svolazzava sicuro e libero
    sulle distese di pietra pomice.

    "Ma quello vola!"
    commentò incredulo
    quel furbacchione d'un pitecantropo,
    che s'arrangiava vendendo bubbole
    ai trogloditi del Cenozoico;
    poi d'improvviso si mise a ridere.

    Vivacchia ancora nella sua Napoli,
    vendendo "bionde", patacche e chiacchiere
    a quell'allocco dell'homo sapiens.
    Composta mercoledì 4 luglio 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Freda

      Social network

      Discorsi fumogeni
      farciti di fronzoli
      si levano e inseguono
      nell'aere di zucchero
      mielose mandragore
      dai fiori venefici;
      pensieri improbabili
      giulivi galleggiano
      in brodi di giuggiole
      scaldati al crepuscolo
      ma resi credibili
      dall'arte di porgerli.
      Saggezza in coriandoli
      di chiacchiere inutili?
      Per quello che dicono,
      per quello che valgono,
      è certo che rendono
      a chi le confabula
      neanche un minuto
      del tempo che costano;
      ma molti le ascoltano,
      e se ne compiacciono,
      e ridono e piangono,
      e ci si accapigliano.
      Composta lunedì 14 maggio 2012
      Vota la poesia: Commenta