Poesie di Giuseppe Esposito

Autore,scrittore,esperto e critico d'arte, nato domenica 23 maggio 1943 a napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Leggi di Murphy e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Giuseppe Esposito

Sisinella

Per mè si stata o'primo ammore
e ti ricordo con ardore
eri fin troppo bella, stivi e casa à Ruanella
le tue amiche ti chiammavano "Sisinella"

Frequentavamo a stessa scola à media "Fiorelli!
a riviera è Chiaia, vicino a villa comunale
luogo di" filoni ", baci innocenti e giochi stagionali

Pigliavamo ò tram assieme a fermata Maschio Angioino
tu ché libbri cù n'elastico, io cù nu filo e spavo,
ma baldanzosi, spensierati, un po' garibaldini

Nù juorno mentre aspettavo ò tram, si arrivata è corsa
eri in ritardo, ma ti sò carute e libbri, io li ho raccolti
tu cu nù filo e voce me ditto" grazie"e me dato nu vase!

Da chillu mumento ò capito che nun t'ero indifferente
era sbocciato l'ammore ma spuntaneamente
se accussi se puteva chiammà, eravamo tredicenni!

Poi o! destino c'hà separati, dopa a scola è cagnata casa
nun stivi chiù 'ncoppa a Ruanella, e pur'io mi ero spustato
io steve e casa à santa lucia, tu invece a Casavatore

Ma quegli anni che mè regalato m'hanno trasfurmato
aviva nà maturità e nà cunsapevolezza che ricordo
cù chiarezza l'adolescenza mia fino a fà ho surdato

Mi ricordo ancora, che durante à naja mi mannavi lettere
d'ammore cu frasi appassiunate, che cunservo ancora
e nun ghiettè maje, 'nsieme à cierte foto scolorite assai

Venni à sapè che t'eri spusata, e c'hai n'a bella nidiata
di bambini che hanno sicuramente arignuto la voglia
tua è mamma e sicuramente anche la tua 'jurnata

Oggi stranamente mè si venuta in mente, ho preso
le tue foto le ho strette sul mio cuore
e ti ho dichiarato ancora riconoscente amore!
Giuseppe Esposito
Composta venerdì 15 aprile 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuseppe Esposito

    Segnali premonitori

    Se penso alle grandi calamità che danno affanni
    si abbattono sulle città, sconvolgono nazioni
    provocando enormi danni
    mi sono fatto un'opinione.
    E la natura che si ribella contro quelle popolazioni
    che sono responsabili di gravi manipolazioni
    che violano le sue leggi continuamente
    alterando il suo status permanente.
    Si può dire veramente che essa reagisce
    duramente e con oculatezza colpisce con fermezza
    chi si è macchiato di crimini e delitti contro
    i prediletti figli e i suoi protetti che sono fatti
    oggetto di stermino e caccia esasperata senza tenere conto
    che la loro specie e limitata!
    Guarda caso ha colpito nell'orgoglio che ancora dura
    mangiatori di balene, delfini e capodogli
    portando sull'orlo dell'estinzione meraviglie della natura
    quasi volesse dire con veemenza
    avete ridotto i miei figli all'emergenza!
    Terremoti, maremoti, tornadi e tsunami sono
    solo messaggi che manda come arcani
    contro degrado, inquinamento e stragi immani.
    Dicendoci, fermatevi finché siete ancora in tempo
    altrimenti aprirò le cateratte dell'inferno!
    Giuseppe Esposito
    Composta mercoledì 13 aprile 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuseppe Esposito

      Donna in amore

      Brezza di vento
      che accarezzi quella guancia,
      quei meravigliosi seni
      nel verde dei prati in fiore,
      perché non doni a questa donna
      dalle labbra rosse di fuoco
      una melodia d'amore?

      Ella è come una poesia,
      dolcemente come un fiore
      dal profumo delicato.

      Come una stella
      nasce e cresce luminosa
      nell'intimo del mio cuore
      e scivola sulle onde
      di un amore infinito
      per innalzare al cielo
      un grido d'amore.
      Giuseppe Esposito
      Composta domenica 10 aprile 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuseppe Esposito

        Il punto "g"

        E il perno dell'universo, tutto gira intorno ad esso
        è il centro del piacere, ma non a tutti è dato sapere
        il luogo della sua ubicazione ma anche sito di perdizione.

        Ogni donna lo possiede, si conosce la sua sede
        ma non il suo punto particolare, che varia ad ognuna
        ma la sua ricerca è opportuna.

        Molti si adoperano a cercarlo ma pochi sanno come trovarlo
        la sua funzione è naturale la sua reazione non è normale
        è un'esplosione di emozioni, brividi, aneliti e contrazioni
        si perde ogni cognizione, freni ed inibizioni

        Dopo i preliminari, giunge il momento adatto
        lei mugola, si lamenta e ti implora
        ma è opportuno usare il massimo tatto
        altrimenti mandi tutto in malora

        Poi è un crescendo Rossiniano, la marcia trionfale dell'Aida
        che ogni donna vorrebbe provare una volta nella vita
        per dire con fierezza anch'io ho toccato il cielo con le dita!
        Giuseppe Esposito
        Composta giovedì 7 aprile 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Giuseppe Esposito

          Io scrivo

          Io non scrivo per la gloria
          è nemmeno per onore,
          ma scrivo per me stesso lo faccio per amore

          Non sono i riconoscimenti che
          gratificano il mio fervore, ma l'esprimere
          i miei sentimenti che sgorgano dal cuore!

          Ogni verso scritto determina un fatto
          mi appaga, mi gratifica, sono pace con me stesso
          mi sento soddisfatto

          Ma poi se ciò che scrivo piace
          a qualcun'altro,
          ammiro questo lettore e penso non
          l'ha fatto, ma poteva leggere altro!

          Ma ha voluto dedicare
          un poco del suo tempo
          al mio modesto pensare

          Devo comunque confessare
          che l'ispirazione non mi viene mai a nancare
          e riesco a maneggiare con disinvoltura

          forse è parte della mia natura,
          verbi, aggettivi e locuzioni
          con continuità, senza interruzioni.

          Sino a quando avrò questa vena creativa
          mi diletterò con grande emozione a dare
          sempre vita a poesie, aforismi e canzoni

          Ho un'altra mania vi devo confessare
          compongo e senza perdere il filo
          con una vecchia penna d'osso, una vecchia stilo!
          Giuseppe Esposito
          Composta martedì 5 aprile 2011
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di