Poesie di Giuseppe Cardullo

Canto e scrivo note , poesie e canzoni, nato mercoledì 12 maggio 1976 a Palermo (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Dolce fata

Quanti ragazzi intorno a te,
fanno a gara per rendersi simpatici,
tu confusa più che mai,
arrossita da far sparire il trucco,
incertamente mi butto o non mi butto,
lasci la scia da per tutto,
ti comporti onestamente,
ti nascondi tra la gente,
ma una bellezza come te non passa inosservata,
sei una fata, hai l'espressione colorata,
smonti tutti con una risata,
la tua parlata raffinata,
educata.
Ciao dolce fata.
Giuseppe Cardullo
Composta martedì 27 ottobre 2015
Vota la poesia: Commenta
    Devo capire,
    lasciarti stare,
    non ti sto a cuore,
    meglio svoltare,
    ma basta un tuo sguardo per farmi crollare,
    una risata per farmi sognare,
    devo capire che non c'è niente da fare,
    provo e riprovo,
    mi lasci da solo,
    devo capire,
    la devo finire,
    non mi calcoli mai,
    se mi innamoro per me son guai,
    lo devo capire,
    non ti posso stupire.
    Giuseppe Cardullo
    Composta venerdì 23 ottobre 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Ciao, se ti riconosci in questa poesia,
      andavi a Salerno con allegria,
      io andavo a Napoli,
      a fare il soldato,
      e già ti avevo inquadrato.
      Sei salita traghettando,
      già mi stavo innamorando,
      Idalba Tp ti chiamavi così,
      mi cercavi e venivi da me,
      tutta la notte mi parlavi di te,
      bella quasi a sdegnare,
      mi volevi baciare,
      io ero impegnato non volevo sbagliare,
      ti ho cercato,
      non ti ho più trovato,
      Idalba Tp,
      scendendo dal treno tutto è morto lì.
      Giuseppe Cardullo
      Composta mercoledì 21 ottobre 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di