Poesie di Giuseppe Bartolomeo

Professore di lingue, nato venerdì 27 agosto 1943 a Cirigliano (MT) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
Siamo nati con gli occhi di primavera
con un grido umano e luna piena.
Cadevano colori d'arsenio e rose
su quella notte di accesi dolori.

Non esistono sogni appesi a ragnatele,
non ci sono fantasmi in forma di chimera.

Esiste un uomo solo nato nella notte
insieme a sua madre in lacrime di gioia.
È una tavolozza di colori e suoni
la nascita di un bimbo al nuovo sole.

Siamo nati nudi sotto le stelle,
occhi chiusi nel caos del mondo,
mani vuote toccando il cielo
cordone ombelicale al vento.

Cresciamo con gli occhi d'estate,
agitando sogni nella bianca neve,
ci inchiniamo al tramonto d'autunno
per rinascere in una nuova primavera.
Giuseppe Bartolomeo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

    Trovai il mio cammino

    In un giorno di quell'Agosto afoso
    mi dissi senza timore:
    se vuoi trovare il tuo cammino
    all'ombra, vai dritto al fiume,
    troverai pioppi verdeggianti,
    pini nostrani nell'azzurro,
    cicogne spigolando sulla riva,
    occhi neri pieni di malinconia.

    Camminai ascoltando il vento,
    giocando con i tristi giunchi,
    guardando l'acqua scendere
    su ciottoli del tempo.
    Camminai insieme alle nuvole,
    mi specchiai su diamanti di luce,
    lavai il giorno di sudore
    sotto un salice senza colori.

    Finì il calore di Agosto,
    finì anche il cammino
    pieno di more rosse
    e una lucertola amica.
    Trovai il mio cammino
    sotto pioppi centenari.
    Lasciai la mia bisaccia
    piena di silenzi e
    di passato.
    Giuseppe Bartolomeo
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

      Sogno in maschera

      In un sogno senza volto
      passo la notte in una maschera.
      Le ombre riempiono di grandi ali
      la musica di un disco lontano.

      Il vento pulisce parole non dette,
      stringe il cuore su strade non fatte,
      apre valichi su montagne conosciute
      piene di orme su neve intatta.

      La notte non ha mani, né chiavi:
      vi sono porte aperte senza scale,
      i bambini giocano a occhi chiusi
      in questo silenzio pieno di fame.

      Il sogno cammina con la maschera
      su una barchetta fatta di carta.
      I rumori diventano bisbigli
      in un arcobaleno di gigli.

      Non ci sono ombre vaganti,
      non ci sono poveri nei portici:
      è solo un fuoco d'artificio
      a gettare comete nel pozzo.
      Giuseppe Bartolomeo
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
        I cavalli dell'Apocalisse
        galoppano negli occhi neri
        trafitti da ombre umane
        e cavallette nere.

        Si avvicina la bestia
        occhi chiari e barba scura
        mani lunghe e bocca chiusa
        capelli imbrigliati dal vento
        passo da guerriero antico
        sguardo di falco ferito.

        È il numero dell'uomo: 666.
        Arriva con parole dolci
        con profezie senza senso
        miracoli da sbalordire
        colui che lo sente.

        I cavalli dell'Apocalisse
        volano nel cielo rosso.
        Le donne incinte gridano
        per le doglie non finite.

        Nasce un nuovo mondo
        con ferite aperte
        piaghe arrugginite
        luna ferita e sole spento
        dallo spavento.
        Giuseppe Bartolomeo
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
          Un cuore bianco nell'ululare del tempo
          si perde nella nebbia della grande città.
          Un uomo solo sotto il sole d'agosto
          rigetta l'ombra che trascina con pietà.
          Guardiamo gli altri passare nella sera
          da una finestra appesa nel vuoto umano.
          Non c'è colore che dipinge la speranza
          quando il cuore lo si nasconde nella mano.

          Camminiamo senza cristiana compassione
          su queste strade con poca umanità.
          Ci allontaniamo da un bel gatto nero
          o da un prete con sottana d'umiltà.
          Crediamo nel tarot, zingare e magia
          e partiti politici senza dignità.
          Non c'è più l'umana sapienza
          che colmava la mente con la verità.

          Dove andiamo per questo cammino cieco
          senza voci familiari nelle vene?
          Dove ci portano le ombre della sera
          quando la tv vive di violenze e di pena?
          Raminghi in una storia di spade e croci
          guardiamo al passato senza illusioni.
          La pietas, la caritas e la democrazia
          sono ormai parole piene di nostalgia.

          Costruiamo, fratelli, la nostra storia
          imbevuti di passato, presente e futuro:
          dove il bambino giochi con il leone
          e noi uomini forgiamo un cuore nuovo.
          Giuseppe Bartolomeo
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di