Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuseppe Bartolomeo

Professore di lingue, nato venerdì 27 agosto 1943 a Cirigliano (MT) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

Pomeriggio estivo

Sogni estivi nella solitudine
di un pomeriggio senza colori.
Sento solo il respiro di un cane
e il volo leggero di una cicogna.

Foglia appassita di tristezza
giace appesa in una ragnatela
attaccata a un angolo di pietra
frantumata in petali d'amarezza.

Nessuno mi svegli in questa "siesta"
dipinta su tela monocolore
dove i vari toni del giallo
rompono la monotonia delle ore.

Le cicale accompagnano il silenzio
su questi prati deserti di odori.
Su pietre ricche di millenni
si nasconde l'eco del domani.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
    Ho messo il cuore in una barca
    all'ombra di un gran mango.
    Aspetto la voce della sera
    accompagnarmi senza rimpianto.

    Lentamente va sulle onde del tempo
    il ricordo di una terra di creta
    con facce tagliate in legno di quercia
    e una chiave di ferro al muro appesa.

    La barca abbandona la riva africana
    naviga in silenzio ai raggi di luna.
    Non so se la nostalgia è lucana
    o di terra equatoriale ancorata lontano.

    Mi sveglio all'ombra di una capanna,
    non so se in questo corpo in cui vivo
    il fiume, la barca, la notte e luna
    sono simboli eterni o sogni senza paura.

    Ho messo il cuore in una barca
    sperando di non essere Nessuno.
    Mi abbandono nel rosso del tramonto
    dolcemente in cerca di Qualcuno.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

      Liberi

      Liberi nel ventre della Madre
      liberi sulle ali della Memoria
      liberi sulle cime dei Monti
      liberi negli antri della Morte.

      Non uccidiamo la Libertà
      con i codici della Legge
      non mascheriamo la Verità
      con parole senso senso.

      Liberi come il vento nel cielo,
      liberi come le note della Musica
      liberi come gli occhi dei Bimbi
      liberi nell'eterna Immensità.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
        Abbiamo portato la terra
        sugli abissi dei rifiuti
        dove il fuoco non brucia.
        Il fumo soffoca l'orizzonte
        e la puzza della menzogna
        riempie le mani del progresso.

        Abbiamo portato l'infezione
        anche nel cuore dell'universo.
        Il pus scoppia nell'aria
        dal cielo cade con la pioggia:
        una lacrima nel tramonto.

        Il pianeta azzurro
        è diventato nero.
        L'uomo nero
        vuol essere bianco.
        L'uomo bianco
        dalla coscienza oscura
        crea fori di ozono
        nel cielo buio.

        Abbiamo appreso a odiare
        in un mondo nato dal caos.
        Non dimentichiamo
        che odio e amore
        sono figli dell'uomo.
        Vota la poesia: Commenta