Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuseppe Bartolomeo

Professore di lingue, nato venerdì 27 agosto 1943 a Cirigliano (MT) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

Ho perduto la barca

Ho perduto la mia barca
su fiori di fiumi africani
dove l'acqua non si vede
ma il cuore spinge lontano.

Ho lasciato i monti lucani
trapunti con fiori di ginestra
per conoscere un mondo tropicale
pieno d'armonia celeste.

Approdò anche la mia barca
sotto l'ombra di una palma.
Il cuore vagando nella notte
con la mano tesa al domani.

Sboccia come un fiore
la luna di mezzanotte
nascondendo serpenti verdi
lungo un fiume senza ricordi.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
    All'ombra d'una chiesa romanica
    in questi alti Pirenei aragonesi
    suona una melodia d'organo antico
    che cura i miei strani pensieri.

    I capitelli giocano con la luna
    il rosone è una gran girasole
    gli archi cadenzano una fuga
    che cade dalle finestre col sole.

    Gli occhi frugano nella penombra
    accarezzando una pittura arcana
    da secoli perduta in due colori
    il rosso e nero della fatica umana.

    All'ombra d'una chiesa romanica
    con le note d'un organo antico
    mi piacerebbe salutare il giorno
    l'ultimo giorno della mia vita.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
      Mentre qualcuno piange sul balcone
      mentre un fiore spunta sul cactus
      mentre una donna soffre nel parto
      nasce una vita senza fantasmi.

      È venuto un nuovo vento dall'est
      è venuta una primavera di odori
      spinta lungo i boschi dell'ovest.

      Mentre un uomo medita pregando
      mentre un vecchio inventa una fiaba
      mentre un bimbo sorride giocando
      nasce un uomo senza rimpianti.

      È venuto un nuovo vento dall'est
      è sorta un'era di piccole cose,
      arriva la pace senza cannoni.

      Mentre la luna continua a guardare
      mentre le stelle invitano ad amare
      mentre il cielo si tinge di rosso
      muore l'uomo con l'anima a posto.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

        A un amico mozambicano

        Viveva con il vento
        ascoltando nenie antiche
        sotto palme del tempo.
        Camminava con la pioggia:
        un pezzo di pane
        con farina di banane
        e un ritornello
        nato fra la gente.
        Dormiva sotto le stelle
        con le croci del sud
        negli occhi e una canzone
        nata guardando i bufali
        masticare la notte.
        Sognava con l'aurora
        nei forti tramonti
        col rosso del cuore
        e il bianco della morte.
        Era mezzo cieco
        sotto il sole zambesiano
        con la musica nelle vene
        e un cristo nelle mani.
        Non so più niente
        resta solo il suo nome
        perduto nei ricordi.
        Sulla sua tomba
        rumori di tamburi
        e una musica senza
        ritorno.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

          Viaggio con la memoria

          Con il Land-Rover come casa
          chilometri di polvere sulla faccia
          schiere di galline faraoni
          tanti fuochi bruciando
          nel bosco.

          Camminavo tra villaggi e foreste
          bevevo linfa di palme silvestri
          cacciavo gazzelle e facoceri
          dormendo nella nebbia
          alcune notti,

          Mangiavo con gli amici di sempre
          vecchi mozambicani prudenti
          con piedi nudi e occhi svegli
          ascoltando storie e proverbi
          della gente.

          Rivivo il viaggio con la memoria
          scoprendo intorno al fuoco
          un mondo vecchio come il cuore
          giovane come il primo giorno.
          Vota la poesia: Commenta