Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuseppe Bartolomeo

Professore di lingue, nato venerdì 27 agosto 1943 a Cirigliano (MT) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO
Si è ancora immaturi alla vita.
Il sole continua il suo corso,
gli occhi sono pieni di giorni
perduti a guardare le mani
bagnate di notte.

Cosa si spera nel mattino?

La vita si allunga sui monti,
il cuore si rannicchia all'ombra.
È meglio vivere meditando
poggiati a tronchi di cristallo.

Ascoltiamo il severo messaggio
quando l'acqua scende violenta
nel fiume in piena.

Soli davanti al camino acceso
il gatto insegue le fiammelle,
il fuoco si riempie di silenzio
mentre la nostra vita matura
e ci aspetta.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

    Ascoltare le montagne

    Ascoltare le montagne in silenzio
    è vivere l'innocenza del tempo,
    tradurre messaggi secolari,
    volare su ali bianche di uccelli.

    Camminiamo su montagne di ieri
    cercando nidi di pace.
    Cerchiamo la speranza nel domani
    con il tozzo di pane di oggi.

    Siamo l'uomo di sempre:
    col segno di Caino in fronte,
    il sangue di Abele nella vigna,
    la torre di Babele negli occhi.

    Ascoltare la pace della montagna
    richiede un cuore di bimbo,
    gli occhi di una madre vera
    e il silenzio racchiuso in un'eco.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

      Preghiera

      Non guardarmi, mio Dio,
      come il sole in pieno giorno,
      come il mattino guarda il mare
      quando l'onda batte sullo scoglio.

      Guardami in un'ora inconsueta della luce,
      in un'ora di pieno silenzio
      quando il dolore è pace.

      Non voltarmi le spalle
      Quando crocifiggo il giorno.
      La notte ha perduto la battaglia,
      l'ombra muore sotto il muro
      quando spunta l'alba.

      Guardami con il tuo sorriso
      Più che lo specchio il mio volto.
      Quando il chiarore si chiude nel cuore
      Temo il silenzio fatto parole.

      Non abbandonarmi, Signore.
      Conosco le tue mani e le tue spine,
      conosco molte strade aperte.
      Sono foglia che vacilla
      con il vento della sera.

      Guardami, Signore della luce,
      quando gli occhi ti cercheranno
      sotto un cielo senza più stelle.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: GIUSEPPE BARTOLOMEO

        Preghiera alla Luce

        Abbiamo conosciuto la tua voce, Signore.
        Il nostro essere opaco s'illumina
        della tua chiarezza.
        Nel mattino già vola incontro all'alba
        la bianca colomba.
        Il mare respinge le onde buie
        negli antri degli scogli.
        I cactus induriscono le spine
        con l'avanzare del giorno.
        Solo noi uomini attendiamo la luce
        nelle piazze sperdute.
        Cerchiamo il pane nei gridi delle strade.
        Venga incontro ai nostri gridi la tua luce.
        Il cielo si abbassi fino a terra
        per plasmarci di pace.
        Signore, noi conosciamo la nostra vita
        lavata insieme ai panni del bucato
        con la cenere cotta sul fuoco.
        Ma tu lavaci e fa che spariscano
        le nostre orme sulle scale del dolore.
        Quando vedi gli uomini correre alla guerra
        inseguili e fa che ascoltino la voce
        della terra che nasce e muore con l'erba.
        Non allontanarti, Signore,
        siamo uomini fatti di pietra
        non tratteniamo la luce.
        Trasformaci nel silenzio del tuo giorno,
        che la colomba becchi all'alba
        i nostri cactus e si trasformino in vita
        in pieno mattino.
        Vota la poesia: Commenta