Scritta da: Giuliano Carosi

Il tuo respiro

Silenzi dipinti nelle tue forme
mi portano il tuo respiro,
osservo il palpitare delle tue dune,
fendono l'aria i nostri sguardi
che veicolano pulsanti sensazioni.

Le tue labbra rossi coralli
che suscitano desiderio,
mentre i tuoi occhi
sono finestre sul mio universo.

Si accendono i sensi
in questo slancio ed abbraccio,
dove ogni contatto
dispensa calore.

Mentre congiunti siamo,
divampano i nostri organi
nel tripudio finale
e un casto bacio d'intesa
porta, infine le nostre anime,
su un unico cielo.
Giuliano Carosi
Composta lunedì 3 febbraio 2014
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuliano Carosi

    L'abaco delle tue fibre

    Sfioro con la mente l'abaco delle tue fibre,
    mentre vibrano le corde del mio suono,
    in questa aria densa di silenzi
    volano le nostre membra
    abbracciate nel virtuale tumulto.

    Vorrei che fossimo atomi che si mescolano
    in questa caotica globalità,
    cercando ognuno l'aggancio astrale
    che ci comprende, che ci conclude.

    È il mio desiderio di conoscerti nell'ignoto,
    viaggiando insieme nel grembo del tempo
    seminando amore e futuro.
    Amami! come io t'amo!
    Giuliano Carosi
    Composta domenica 9 febbraio 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuliano Carosi

      Mia Musa

      O luce delle mie pupille,
      che sorgesti una sera
      come una stella.

      Mentre tu sedevi
      un giorno fresca viola,
      sul grembo dell'aurora,
      io desiderai soltanto,
      udire il suono
      della tua parola.

      Odorosa rosa
      a maggio dischiusa,
      affascinante mia musa.

      A te che sei sempre
      sorriso e colore
      ho donato il mio amore.
      Giuliano Carosi
      Composta giovedì 2 gennaio 2014
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Giuliano Carosi

        Bagliori di Divino

        Eri bimba dai lunghi capelli,
        con l'alba dipinta sul tuo volto,
        lievi baci ci portarono
        l'innocente emozione.

        Ma il tempo corre e divide,
        strade strane e inusitate,
        separarono i nostri sogni.

        In dolci estate di calde sabbie,
        sudarono i miei ricordi di bimbo perduto.

        Non sapevo dove eri,
        ti ho sempre cercata,
        eri persa tra delle mie barriere mentali.

        Ma è caduto infine il muro d'ombra tra noi,
        in questa magica stagione dell'amore,
        dove solo bagliori di divino
        dipingono la tua bellezza.

        Colorata di gioia è la nostra strada,
        che oggi abbiamo dipinto,
        in questo angolo di Paradiso.
        Giuliano Carosi
        Composta giovedì 16 gennaio 2014
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di