Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Giuliana Zarantonello

Supervisore Forever, nato a Valdagno
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

Scritta da: Giuliana Z.
La mia luna incanta, turba, coinvolge
poi sparisce, poi ritorna
a volte un pezzetto poi di più, di più
e poi di più fino a riempirsi tutta.
È sapiente lei,
da lassù silenziosa sorveglia,
non parla, non dice nulla,
ma sa ascoltare il mio silenzio.
La luna m'attrae a sé
magicamente con il suo gran potere,
solo lei riesce a illuminare le mie notti nere.
Composta domenica 24 gennaio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Giuliana Z.

    Magia di Natale

    Durante l'anno riposto in soffitta,
    un vecchio baule nero conserva quella magia
    che ogni anno viene rispolverata,
    per dar gioia ai bimbi
    e per ricordare ai grandi che:
    Natale non è racchiuso
    in quei piccoli e grandi doni
    e non è nemmeno l'attesa della mezzanotte
    per aprire quei pacchetti luccicanti
    riposti sotto lo scintillio di un albero.
    Natale è... quella meraviglia che cresce
    nel sorriso dei bimbi felici
    che credono ancora al vecchietto vestito di rosso,
    al loro stupore davanti ad una capanna
    di quel bambinello riposto nella mangiatoia.
    Natale è... nel gesto di quelle loro piccole mani
    che spostando le pecorelle del presepe
    e giocherellando con innocenza
    danno vita al paesaggio e ai pastori.
    Natale è... nella gioia e nella curiosità dei grandi
    che per poche ore tornano ad essere fanciulli
    e con stupore rivivono un clima magico
    ricordando e raccontando il tempo passato
    un piccolo miracolo nel cuore di ognuno di noi
    che ci trasforma durante le feste come d'incanto!
    Composta martedì 16 dicembre 2014
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Giuliana Z.

      Le stagioni dell'amore

      Ha le sue quattro stagioni l'amore,
      in primavera, dove tutto è tenerezza
      e la gemma prepara la foglia,
      nasce il nuovo, in un dolce tepore.
      In estate il desiderio è ben caldo,
      ben salda è la foglia, è fuoco,
      è passione fra l'erba e la paglia
      al chiaro di luna o al sole che abbaglia.
      In autunno è un po' un distacco
      da ciò che abbiamo già dato,
      lentamente l'amore si dà per vinto,
      cade la foglia, si smorza la voglia.
      E durante il freddo inverno?
      Là dove la foglia è calpestata,
      per chi ancora insieme cammina,
      torna l'amore in poveri gesti
      in attesa che arrivi mattina.
      Vota la poesia: Commenta