Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

La fonte di Castelvecchio

O voi che, mentre i culmini Apuani
il sole cinge d'un vapor vermiglio,
e fa di contro splendere i lontani
vetri di Tiglio;
venite a questa fonte nuova, sulle
teste la brocca, netta come specchio,
equilibrando tremula, fanciulle
di Castelvecchio;
e nella strada che già s'ombra, il busso
picchia dè duri zoccoli, e la gonna
stiocca passando, e suona eterno il flusso
della Corsonna:
fanciulle, io sono l'acqua della Borra,
dove brusivo con un lieve rombo
sotto i castagni; ora convien che corra
chiusa nel piombo.
A voi, prigione dalle verdi alture,
pura di vena, vergine di fango,
scendo; a voi sgorgo facile: ma, pure
vergini, piango:
non come piange nel salir grondando
l'acqua tra l'aspro cigolìo del pozzo:
io solo mando tra il gorgoglio blando
qualche singhiozzo.
Oh! la mia vita di solinga polla
nel taciturno colle delle capre!
Udir soltanto foglia che si crolla,
cardo che s'apre,
vespa che ronza, e queruli richiami
del forasiepe! Il mio cantar sommesso
era tra i poggi ornati di ciclami
sempre lo stesso;
sempre sì dolce! E nelle estive notti,
più, se l'eterno mio lamento solo
s'accompagnava ai gemiti interrotti
dell'assiuolo,
più dolce, più! Ma date a me, ragazze
di Castelvecchio, date a me le nuove
del mondo bello: che si fa? Le guazze
cadono, o piove?
E per le selve ancora si tracoglie,
o fate appietto? Ed il metato fuma,
o già picchiate? Aspettano le foglie
molli la bruma,
o le crinelle empite nè frondai
in cui dall'Alpe è scesa qualche breve
frasca di faggio? Od è già l'Alpe ormai
bianca di neve?
Più nulla io vedo, io che vedea non molto
quando chiamavo, con il mio rumore
fresco, il fanciullo che cogliea nel folto
macole e more.
Col nepotino a me venìa la bianca
vecchia, la Matta; e tuttavia la vedo
andare come vaccherella stanca
va col suo redo.
Nella deserta chiesa che rovina,
vive la bianca Matta dei Beghelli
più? Desta lei la sveglia mattutina
più, dè fringuelli?
Essa veniva al garrulo mio rivo
sempre garrendo dentro sé, la vecchia:
e io, garrendo ancora più, l'empivo
sempre la secchia.
Ah! che credevo d'essere sua cosa!
Con lei parlavo, ella parlava meco,
come una voce nella valle ombrosa
parla con l'eco.
Però singhiozzo ripensando a questa
che lasciai nella chiesa solitaria,
che avea due cose al mondo, e gliene resta
l'una, ch'è l'aria.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Il Cavallino

    O bel clivo fiorito Cavallino
    ch'io varcai cò leggiadri eguali a schiera
    al mio bel tempo; chi sa dir se l'era
    d'olmo la tua parlante ombra o di pino?
    Era busso ricciuto o biancospino,
    da cui dorata trasparia la sera?
    C'è un campanile tra una selva nera,
    che canta, bianco, l'inno mattutino?
    Non so: ché quando a te s'appressa il vano
    desìo, per entro il cielo fuggitivo
    te vedo incerta vision fluire.
    So ch'or sembri il paese allor lontano
    lontano, che dal tuo fiorito clivo
    io rimirai nel limpido avvenire.
    dal libro "Myricae" di Giovanni Pascoli
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Sera Festiva

      O mamma, o mammina, hai stirato
      la nuova camicia di lino?
      Non c'era laggiù tra il bucato,
      sul bossolo o sul biancospino.
      Su gli occhi tu tieni le mani...
      Perché? Non lo sai che domani...?
      din don dan, din don dan.
      Si parlano i bianchi villaggi
      cantando in un lume di rosa:
      dell'ombra dè monti selvaggi
      si sente una romba festosa.
      Tu tieni a gli orecchi le mani...
      tu piangi; ed è festa domani...
      din don dan, din don dan.
      Tu pensi... Oh! Ricordo: la pieve...
      quanti anni ora sono? Una sera...
      il bimbo era freddo, di neve;
      il bimbo era bianco, di cera:
      allora sonò la campana
      (perché non pareva lontana? )
      din don dan, din don dan.
      Sonavano a festa, come ora,
      per l'angiolo; il nuovo angioletto
      nel cielo volava a quell'ora;
      ma tu lo volevi al tuo petto,
      con noi, nella piccola zana:
      gridavi; e lassù la campana...
      din don dan, din don dan.
      dal libro "Myricae" di Giovanni Pascoli
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Silvana Stremiz

        Il Cane

        Noi mentre il mondo va per la sua strada,
        noi ci rodiamo, e in cuor doppio è l'affanno,
        e perché vada, e perché lento vada.
        Tal, quando passa il grave carro avanti
        del casolare, che il rozzon normanno
        stampa il suolo con zoccoli sonanti,
        sbuca il can dalla fratta, come il vento;
        lo precorre, rincorre; uggiola, abbaia.
        Il carro è dilungato lento lento.
        Il cane torna sternutando all'aia.
        dal libro "Myricae" di Giovanni Pascoli
        Vota la poesia: Commenta