Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Dgiannì

Arrivasti

Quando poi arrivasti,
si aprì una luce magica nella buia notte
e per ascoltare il suono delle tua voce
si pose intorno un silenzio feroce.

Arrivasti, finalmente! Meraviglia da far perdere la ragione!
Si vede in te ciò che non potrebbe essere ma è.
In piena notte, m'illuminasti
per far fiorire le pietre attorno!

Guardando un calendario, contandone i giorni
ti avevo atteso! Braccia aperte,
occhi ridenti, la bocca in fiore!

E per cent'anni più fresca e bella sarai
e la mia bocca grida ancora più che mai:
Mio bel bagliore io ti starò accanto finché vivrai!
Composta giovedì 12 aprile 2012
Vota la poesia: Commenta