Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Bepi Zuccollo

Poesia

Un'erba che spia
dal crepo de un sasso,
na foja vestìa
de perle de acoasso,
un buto so 'a rama,
na rosa che sbòcia,
un canto de mama
e i oci de un bocia,
la piova che bate
sui veri e va via…
par mi xe poesia.

Do ale de velo
che trema so 'n fiore,
un'alba col celo
che cambia colore,
na viola drio 'l fosso
tra i spini e le urtighe,
na vampa de rosso
tra l'oro de spighe,
la man tua che serca
in silenzio la mia
par mi xe poesia.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Bepi Zuccollo
    Pubblicata prima del 01/06/2004

    Al pascolo

    Tuti i dì, dae do ae sìe,
    fora coe vache sol campo alto,
    braghe curte, descalsi i pìe,
    co na pignata vecia de smalto
    se cusinava patate americane,
    scaldandose fora in calche logo,
    al canto stonà de le ultime rane,
    pronti a zontare legne seche al fogo.

    Atinti senpre che le bestie magna
    poco strafojo e gnente spagna.
    Longhe le ore le gera a pasare,
    mai no vegné el momento pì belo,
    quando da casa el fis-cio de me pare
    rivava tajente come on cortelo.

    In testa la Cerva, in coa la Quadra,
    fora de s-ciapo senpre la Lombarda,
    che pì de tute la gera bastarda,
    con Fido che sbaja drio la cavala
    se torna de corsa verso la stala.

    Tempi beati de la giovinessa,
    anca se i gera magri de schei;
    par la me chiete, la me spensieratessa
    desso i considero i ani pì bei.
    Vota la poesia: Commenta