Scritta da: Silvana Stremiz

Eolia

Lina, brumaio torbido inclina,
Ne l'aer gelido monta la sera:
E a me ne l'anima fiorisce, o Lina,
La primavera.
In lume roseo, vedi, il nivale
Fedriade vertice sorge e sfavilla,
E di Castalia l'onda vocale
Mormora e brilla.
Delfo a' suoi tripodi chiaro sonanti
Rivoca Apolline co' nuovi soli,
Con i virginei peana e i canti
De' rusignoli.
Da gl'iperborei lidi al pio suolo
Ei riede, a' lauri dal pigro gelo:
Due cigni il traggono candidi a volo:
Sorride il cielo.
Al capo ha l'aurea benda di Giove;
Ma nel crin florido l'aura sospira
E con un tremito d'amor gli move
In man la lira.
D'intorno girano come in leggera
Danza le Cicladi patria del nume,
Da lungi plaudono Cipro e Citera
Con bianche spume.
E un lieve il séguita pe 'l grande Egeo
Legno, a purpuree vele, canoro:
Armato rčggelo per l'onde Alceo
Dal plettro d'oro.
Saffo dal candido petto anelante
A l'aura ambrosia che dal dio vola,
Dal riso morbido, da l'ondeggiante
Crin di viola,
In mezzo assidesi. Lina, quieti
I remi pendono: sali il naviglio.
Io, de gli eolii sacri poeti
Ultimo figlio,
Io meco traggoti per l'aure achive:
Odi le cetere tinnir: montiamo:
Fuggiam le occidue macchiate rive,
Dimentichiamo.
Giosuč Carducci
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Virgilio

    Come, quando sů campi arsi la pia
    Luna imminente il gelo estivo infonde,
    Mormora al bianco lume il rio tra via
    Riscintillando tra le brevi sponde;
    E il secreto usignuolo entro le fronde
    Empie il vasto seren di melodia,
    Ascolta il viatore ed a le bionde
    Chiome che amň ripensa, e il tempo oblia;
    Ed orba madre, che doleasi in vano,
    Da un avel gli occhi al ciel lucente gira
    E in quel diffuso albor l'animo queta;
    Ridono in tanto i monti e il mar lontano,
    Tra i grandi arbor la fresca aura sospira:
    Tale il tuo verso a me, divin poeta.
    Giosuč Carducci
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz

      Tedio invernale

      Ma ci fu dunque un giorno
      Su questa terra il sole?
      Ci fur rose e viole,
      Luce, sorriso, ardor?
      Ma ci fu dunque un giorno
      La dolce giovinezza,
      La gloria e la bellezza,
      Fede, virtude, amor?
      Ciň forse avvenne a i tempi
      D'Omero e di Valmichi:
      Ma quei son tempi antichi,
      Il sole or non č piů.
      E questa ov'io m'avvolgo
      Nebbia di verno immondo
      Č il cenere d'un mondo
      Che forse un giorno fu.
      Giosuč Carducci
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di